Home Salute & Benessere Come funziona l’apparato digerente?

Come funziona l’apparato digerente?

CONDIVIDI

Tutto ciò che avresti sempre voluto sapere sul tuo stomaco, spiegato.

Come funziona il sistema digerente

Il sistema digestivo scorre attraverso il corpo e consente alle persone di assumere sostanze nutritive e rilasciare i rifiuti.

Il sistema consiste essenzialmente di tutti gli organi che aiutano il corpo a digerire il cibo, che comprendono esofago, stomaco, intestino tenue, colon, pancreas, fegato e cistifellea.

Perché abbiamo bisogno di digerire il cibo?

La digestione ci consente di prendere il cibo che mangiamo e di scomporlo in parti semplici per assorbire il flusso sanguigno e utilizzarlo per produrre energia.

Senza digerire e abbattere il cibo, il corpo non può assorbire i nutrienti necessari.

Quindi, cosa succede al tuo cibo dopo aver mangiato?

Ecco l’ordine degli eventi: il cibo entra nella bocca e viaggia nell’esofago. Quindi, si sposta nello stomaco e nell’intestino tenue dove si mescola con i fluidi digestivi del pancreas, del fegato e della cistifellea.

L’intestino tenue assorbe sostanze nutritive e acqua importanti. Il sistema circolatorio invia alcuni di questi nutrienti a parti del corpo per conservarli o usarli.

Qualsiasi rifiuto o materiale alimentare non digerito si trasferisce nel colon o nell’intestino crasso dove ci vogliono altri 1-2 giorni per lasciare il corpo.

Quanto tempo ci vuole per digerire il cibo?

Il tempo necessario per digerire il cibo varia da persona a persona e dal tipo di cibo. Può impiegare da uno a tre giorni.

Lo stomaco si svuota in modo specifico a metà strada in circa 90 minuti dopo il pasto, il che significa che è vuoto dopo sei ore prima di andare all’intestino crasso o al colon e finire il processo di digestione.

La digestione non ha luogo solo nello stomaco

La digestione non avviene completamente nello stomaco. Anche se lo stomaco è la chiave ed è il sito principale della “decomposizione meccanica” del cibo.

L’assorbimento dei nutrienti avviene più in basso nell’intestino tenue e nel colon. È un errore pensare che il corpo assorbe passivamente i nutrienti quando effettivamente ci vuole energia per farlo.

Ogni singolo nutriente deve essere riconosciuto come un alimento e non come un invasore straniero. Viene quindi attivamente assorbito nel corpo attraverso specifici trasportatori di nutrienti.