Home Lifestyle Come prendersi cura delle piante di casa nel modo giusto

Come prendersi cura delle piante di casa nel modo giusto

CONDIVIDI

Prenditi cura delle piante che hai in casa con i giusti accorgimenti, al fine di incrementarne la vita e la bellezza.

Le piante portano calore e un’aura di intimità a qualsiasi casa. Conferiscono grande benessere e richiedono poca cura.

Quello che devi sapere sulle creature frondose è questo: anche le piante hanno temperamenti e personalità diversi.

Dopo aver acquistato la tua pianta – che andrà a finire nel tuo giardino sul terrazzo o casalingo – devi iniziare a conoscerla. Ecco le nozioni di base che devi sapere per assicurarti che tu e il tuo amico ecologico abbiate una relazione a lungo termine.

Piante
Piante

Luce del sole

Le piante traggono nutrimento ed energia dal sole. La maggior parte delle piante ha bisogno di luce intensa, che può ottenere dall’essere posizionata direttamente davanti a una finestra.

Ecco un piccolo test che puoi fare per verificare se la tua finestra è abbastanza buona:

A mezzogiorno, posiziona un foglio di carta bianca nel punto in cui desideri posizionare la tua pianta. Quindi, stendi la mano sopra il foglio. Se vedi un’ombra ben definita, evviva!

Ciò significa che la tua pianta riceverà una luce intensa. Se la tua ombra non è così chiara ma riesci comunque a capire che è una mano, c’è luce media. Se l’ombra si vede a stento, sei in condizioni di scarsa illuminazione.

E ricorda, esiste anche troppa luce! Se il sole è abbastanza luminoso da bruciare la tua pelle, è certamente abbastanza aggressivo da bruciare le foglie delicate, quindi assicurati che la tua pianta sia lontana dalla luce solare diretta.

Piante e acqua

La cosa peggiore è idratare eccessivamente le piante. La maggior parte di esse deve essere annaffiata quando i primi 2-3 centimetri di terreno si sono asciugati.

Basta affondare il mignolo nel terreno (più vicino al bordo del vaso e lontano dalla pianta) se senti che è asciutto, ha bisogno di acqua.

Per innaffiare, solleva delicatamente il fogliame della pianta e versa l’acqua nel terreno fino a quando non appare un rivolo dal foro di drenaggio sul fondo. L

ascia che la pianta si impregni nell’acqua per 30 minuti e poi svuota l’acqua rimanente nel vaso. Controlla i livelli dell’acqua della tua pianta ogni 3-4 giorni. Non dare per scontato che la tua pianta abbia bisogno di X quantità di acqua in un giorno prestabilito.

La temperatura, i cambiamenti di luce diurna e così via possono influenzare la quantità di acqua di cui la tua pianta ha bisogno, quindi controlla regolarmente per capire di quanta idratazione avrà bisogno.

Piante: nutrienti e fertilizzazione

Non è necessario che la tua pianta abbia nutrienti e minerali aggiuntivi. La maggior parte delle piante si sazia dall’aria, dall’acqua, dalla luce solare e dal terreno.

Se la tua pianta ha un problema specifico, solo allora devi darle componenti extra. In tal caso, puoi andare in un vivaio e trovare i migliori integratori per la tua pianta. Ricorda che problemi semplici, molte volte hanno soluzioni semplici.

Se la tua pianta è appassita: ha bisogno di acqua. Innaffialo leggermente per alcuni giorni di seguito e dovrebbe riprendersi. Qualunque cosa tu faccia, però, non esagerare!

Se la tua pianta ha foglie gialle: la tua pianta è stressata. Questo generalmente accade quando spostiamo le piante o le rinvasiamo, quindi dagli un giorno o due per abituarsi al suo nuovo ambiente. Se continua a diventare gialla, è un segno di negligenza generale.

Se la tua pianta si inclina notevolmente: significa che la tua pianta soffre di marciume radicale.

Se la tua pianta ha odore strano: questo è un problema. Se la tua pianta emette un odore pungente, è sicuramente un segno triste. Innaffiare troppo la tua pianta può farla marcire.

Taglia le parti della pianta che sembrano marcire. Se non ci sono parti visibili, significa che il marciume è alla radice. In questo caso, se vuoi salvare la tua pianta, dovrai darle un taglio delle radici. Contatta il tuo mali (giardiniere) o portalo all’asilo se non sei sicuro di come farlo da solo.