Home News Coldiretti, la spesa media destinata dagli italiani alle vacanze estive crolla a...

Coldiretti, la spesa media destinata dagli italiani alle vacanze estive crolla a 588 euro per persona

CONDIVIDI

Secondo lʼanalisi di Coldiretti pochissimi stranieri hanno deciso di trascorrere le vacanze in Italia a causa dalle preoccupazioni crescenti e dei vincoli alle frontiere resi necessari per affrontate lʼemergenza pandemica.

coldiretti

La spesa media destinata dagli italiani alle vacanze estive crolla a 588 euro per persona, con un calo del 25% rispetto all’anno 2019 per effetto di ferie più brevi, meno lontane da casa e dedicate soprattutto al relax familiare.

E’ quanto emerge dall’analisi condotta dalla Coldiretti/Ixè: sono 34 milioni gli italiani che hanno deciso di non rinunciare alle vacanze per almeno qualche giorno nel 2020.

Coldiretti precisa che per la metà dei viaggiatori (50%) la spesa per persona è inferiore dei 500 euro, per il 34% tra i 500 ed i 1000 euro, per il 12 % tra i 1000 ed i 2000 euro mentre percentuali più ridotte supereranno questo limite.

Coldiretti, un’estate senza stranieri

Alla riduzione della spesa degli italiani si aggiunge una estate praticamente senza stranieri in vacanza in Italia a causa dalle preoccupazioni crescenti e dei vincoli alle frontiere resi necessari per affrontate l’emergenza pandemica.

Una situazione che ha effetti pesanti sul flusso turistico delle città d’arte che risentono più notevolmente della mancanza degli stranieri, che prestano particolare attenzione alla qualità dell’alimentazione per la quale destinano una notevole quota della spesa durante il soggiorno.

Coldiretti, vacanze più brevi

A favorire il contenimento delle spese degli italiani è stato tra l’altro l’accorciamento del periodo di vacanza sceso in media sotto i dieci giorni.

Coldiretti sottolinea che 1 italiano su 4 (25%) ha preferito una destinazione vicino casa, all’interno della propria regione di residenza.

La maggioranza degli italiani in viaggio ha scelto di riaprire le seconde case di proprietà, o di alloggiare in quelle di parenti e amici o in affitto, ma nella classifica delle preferenze ci sono nell’ordine anche campeggi con i camper molto gettonati.

Segnali positivi per le oltre 24.000 strutture agrituristiche italiane che offrono un ottimo rapporto qualità prezzo.