Home News Codice della strada, stretta sui cellulari e parcheggi invalidi

Codice della strada, stretta sui cellulari e parcheggi invalidi

CONDIVIDI

Il codice della strada ora ha un nuovo testo con pene severissime sull’uso del cellulare e sul parcheggio per gli invalidi. Cosa dobbiamo aspettarci?

Codice della strada
Codice della strada

Il codice della strada viene modificato per permettere vengano sanzionate le persone che non si comportano in maniera corretta, sia alla guida e sia in termini di rispetto. Ecco tutti i dettagli.

Sanzioni per uso di cellulare e animali a bordo

Nuove regole per tutte le persone che guidano una automobile, che porterà ognuno a prestare molta più attenzione alle azioni che vengono svolte più che mai ogni giorno.

Per ora l’aumento del limite di velocità viene smentito, così come la marcia in contro mano dei ciclisti e il fumo alla guida. Il testo è ora nelle mai dei parlamentari che entro il prossimo mese perverrà a Montecitorio. Ma quali sono le novità?

Prima di tutto è stato confermato il divieto di utilizzare il cellulare mentre si è alla guida: questa volta infatti le sanzioni previste aumentano di quattro volte dalle precedenti, con sospensione della patente in caso di comportamento recidivo. 

Per chi invece porta il proprio amico a quattro zampe, dovrà essere munito anche di cintura di sicurezza e altri requisiti che verranno resi noti – con multe che ammontano sino a 338 Euro, raddoppiando in caso di incidente d’auto.

Stretta sui parcheggi invalidi e novità

L’intolleranza per quanto riguarda il parcheggio in un’area riservata agli invalidi, questa volta sarà molto più severa. Si parla infatti di decurtazione di quattro punti dalla patente con una multa che arriva sino a 647 euro  – aumentando di pari passo anche per i ciclomotori.

Naturalmente l’aumento dei controlli sarà raddoppiato, anche con l’aiuto di dispositivi tecnologicamente avanzati. Si parla anche di un controllo approfondito in caso di guida in stato di ebrezza o dopo aver assunto sostanze stupefacenti, con multe molto salate per chi dovesse rifiutarsi di collaborare.