Home Casi Ciro Grillo, le accuse: “Vittima tenuta per i capelli e costretta a...

Ciro Grillo, le accuse: “Vittima tenuta per i capelli e costretta a rapporti”, ma lui smentisce

CONDIVIDI

Il giovane è accusato, insieme ad altri 3 amici, di violenza sessuale di gruppo.

accuse stupro Ciro GrilloLa vittima del presunto stupro è una studentessa italo-svedese di 19 anni, che sarebbe stata violentata nella notte tra il 15 e il 16 luglio del 2019 nella villa di proprietà di Beppe Grillo.

La testimonianza della vittima

Sarebbe stata violentata dopo una serata trascorsa con gli amici in Costa Smeralda.

La vittima della presunta violenza sessuale è una giovane modella e studentessa, 19enne all’epoca dei fatti, costretta ad avere rapporti sessuali con 4 tra ragazzi, tra cui Ciro Grillo, figlio del noto pentastellato.

Dopo la violenza, una volta tornata a Milano, la ragazza ha raccontato tutto ai genitori, che l’avrebbero quindi convinta a denunciare l’accaduto.

Sono scattate le indagini, che vedono imputati i 4 giovani della “Genova bene”.

La studentessa ha riferito che quella sera aveva bevuto tantissimo, soprattutto vodka.

Una volta arrivata insieme ad un’amica nella villa di proprietà di Beppe Grillo, la giovane sarebbe stata quindi costretta a diversi rapporti sessuali.

“Costretta ad avere rapporti sessuali in camera da letto e nel box del bagno, afferrata per la testa e costretta a bere mezza bottiglia di vodka e ad avere rapporti di gruppo”

si legge in alcuni passaggi dei documenti d’accusa.

Gli imputati si difendono: “Era sesso consenziente”

Ciro Grillo, Francesco Corsiglia, Vittorio Lauria ed Edoardo Capitta respingono ogni accusa, parlando di sesso consenziente.

Secondo l’accusa, i 4 avrebbero abusato anche dell’amica della 19enne, che era rimasta a dormire nella villa. Le prove di questa seconda violenza sarebbero contenute nei cellulari degli imputati.

Leggi anche –> Roma, carabiniere spara alla moglie e si uccide: Annamaria Ascolese lotta tra la vita e la morte

Per depositare la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dei quattro, c’è ora tempo fino alla fine del mese.

Lo scorso 15 aprile al cospetto del Procuratore capo di Tempio Pausania, Gregorio Capasso, Ciro Grillo ha continuato a respingere ogni accusa di violenza sessuale.