Home News Cina, Xi “Annullata la povertà estrema” in soli 5 anni

Cina, Xi “Annullata la povertà estrema” in soli 5 anni

CONDIVIDI

Il miglioramento delle condizioni economiche e di vita del Paese è   un “miracolo umano” secondo il presidente cinese.

Risaia in Cina
Risaia in Cina – iStock

In una solenne cerimonia la Cina ha ringraziato quanto si sono impegnati per il Paese, in particolare modo i funzionari delle comunità rurali e delle minoranze etniche.

Le medaglie ai contadini lodevoli

Xi Jinping si è mostrato con un volto diverso dal consueto. L’occasione è stata la consegna delle medaglie a riconoscimento del merito di coloro che hanno contribuito all’evoluzione dell’economia pur vivendo in una posizione più marginale rispetto ai cittadini metropolitani.

Infatti ad essere insigniti dell’apprezzamento ufficiale sono stati gli appartenenti al mondo campestre e alle minoranze etniche.

Durante la sontuosa celebrazioni per i risultati del Paese, il presidente ha annunciato di voler esportare l’ammirevole impegno cinese alle nazioni in difficoltà.

Xi ritiene prodigioso che l’abbandono della povertà estrema di cifre esorbitanti di vite (si tratta di milioni di persone), sia avvenuto in un lasso di tempo brevissimo: 5 anni.

Era solo il 2015 quando il governo dichiarò di voler perseguire l’arduo proposito. Ci è riuscito, sempre secondo i dati governati, in 5 anni, ossia nel 2020.

L’obiettivo che dimostra la fuoriuscita dalla stato di degenza è il superamento di 2,5 dollari al giorno, la cifra è considerata la soglia minima per vivere dignitosamente.

Politiche di crescita economica

I risultati sono stati conseguiti grazie agli investimenti nella realizzazione di infrastrutture, agli incentivi economici oltre che ai sudditi affinché le comunità più svantaggiate potessero risollevarsi.

La Banca Mondiale attesta gli effetti positivi della politica  cinese sulla popolazione. Dagli anni Settanta ad oggi sono stati più di 800 milioni i cittadini che hanno abbandonato la povertà estrema.

Si è venuta a creare, dopo gli scempi delle scelte maoiste, una classe sociale prima quasi inesistente: quella del ceto medio che poteva dedicarsi all’acquisto di beni.

Di questi tempi poi, il vaccino, realizzato in casa, è l’ultimo importante prodotto per le entrate dell’enorme nazione. Da poco è sbarcato in Europa, in Ungheria, ma sono molte le nazioni del mondo che sono in procinto di acquistarlo.