Home Spettacolo Paolo Bonolis, brutta notizia per Ciao Darwin: ‘I magistrati denunciano strutture non...

Paolo Bonolis, brutta notizia per Ciao Darwin: ‘I magistrati denunciano strutture non a norma’

CONDIVIDI

Brutta notizia per Paolo Bonolis: a Ciao Darwin, dopo i vari incidenti intervengono i pm ad indagare, alcuni giochi sono risultate non a norma di legge

Paolo Bonolis, brutta tegola per il suo compleanno
Paolo Bonolis

Dopo gli incidenti che sono avvenuti nella trasmissione Ciao Darwin, condotta da Paolo Bonolis, sono intervenuti i pm per fare un’inchiesta e capire quale si stato il problema.

Paolo Bonolis, le responsabilità degli incidenti ricadono su Ciao Darwin

La procura di Roma ha deciso di fare degli accertamenti, dopo che due giocatori partecipanti a Ciao Darwin, sonno rimasti feriti partecipando al gioco dei rulli.

Quindi sotto inchiesta si trova proprio la piscina del noto programma televisivo, ed i magistrati stanno indagando per capire il motivo.

Tutto è partito lo scorso Aprile, quando due concorrenti sono rimasti feriti nel gioco. Il conduttore, Paolo Bonolis, non è stato sottoposto all’indagine ma uno dei giochi presenti nella trasmissione è stato sequestrato.

Così gli inquirenti hanno analizzato i rulli, che fanno parte del famoso gioco chiamato Genodrome. L’ultima parte di questo gioco è appunto cercare di raggiungere il lato opposto passando sopra dei rulli, cercando di non cadere nella piscina sottostante.

I concorrenti rimasti feriti sono: Gabriele Marchetti, finito nel reparto di terapia intensiva dell’Umberto I e Deborah Bianchi, la personal trainer ha rivelato sui sui profili social di essersi rotta un piede durante le registrazioni della puntata dello show.

Bonolis, il giorno del compleanno gli esiti delle indagini

Non una bella notizia per Paolo Bonolis. Proprio nel giorno del suo compleanno arriva il riscontro dei magistrati. Proprio a seguito degli incidentei i magistrati Romani hanno aperto un’indagine sul famoso gioco televisivo, l’ipotesi di reato era molto chiara: lesione colpose.

Nell’indagine condotta dal procuratore Nunzio D’elia non sono emersi indagati. Ma secondo le indagini proprio la piscina potrebbe essere non a norma poiché il livello dell’acqua all’interno risulta essere troppo basso.

Dopo aver sequestrato i rulli, le indagini si concentrano sulla piscina.

Comunque è calcolata una parte di rischio nella trasmissione, per questo ai concorrenti viene fatta firmare una liberatoria, che non include però i rischi importanti legati alla vita di chi partecipa al programma.