Home Televisione Chucky, la Bambola assassina torna in una serie TV: il teaser ufficiale...

Chucky, la Bambola assassina torna in una serie TV: il teaser ufficiale – Video

CONDIVIDI

La saga di Chucky continua con una serie tv incentrata completamente sulla spaventosa figura della bambola assassina, scopriamo tutti i dettagli

chucky-bambola-assassina

Vediamo insieme tutto quello che sappiamo sulla serie tv che prosegue la storia di Chucky!

Chucky torna con una serie tv

La terribile bambola assassina ritorna con il primo teaser trailer di una nuovissima serie tv, che uscirà nel 2021.

Si tratta di una produzione Sy-Fy – USA Network, diretta e sceneggiata da Don Mancini, creatore della saga, che ha intenzione di catapultarci nell’universo del letale giocattolo, che ha spaventato molte generazioni di bambini.

Non è ancora stata rivelata la data precisa di rilascio della serie tv, che però potrebbe arrivare già nei primi mesi del 2021, anno che si spera sia più fortunato del 2020!

Il cast della serie tv

La protagonista Tiffany verrà impersonata da Jennifer Tilly, che ha già interpretato lo stesso personaggio in alcuni dei film della saga; a doppiare il perfido bambolotto è Brad Dourif, noto anche per essere il Vermiliguo de “Il signore degli anelli”.

La trama

La storia della nuova serie tv si incentrerà sul ritrovamento della bambola vintage, per l’appunto Chucky, presso un mercatino dell’usato.

Da quel momento in poi, tutto cambierà: la piccola città in cui vivono i protagonisti farà da sfondo a una serie di brutali omicidi.

La saga

Il franchise nasce nel 1988 con il film “La bambola assassina” diretto da Tom Holland. Dopo il successo del film, verranno prodotti ben 6 sequel: “La bambola assassina 2” (1990) di John Lafia, “La bambola assassina 3” (1991) di Jack Bender, “La sposa di Chucky” (1998) di Ronny Yu, “Il figlio di Chucky” (2004), “La maledizione di Chucky” (2013) e “Il culto di Chucky” (2017), questi ultimi tre diretti da Don Mancini.

Nel 2019, invece, è uscito il reboot “La bambola assassina”, per la regia di Lars Klevberg.