Home News Chiedere un aumento al datore di lavoro: consigli utili per non sbagliare

Chiedere un aumento al datore di lavoro: consigli utili per non sbagliare

CONDIVIDI

Incremento salariale: come richiedere un aumento al proprio capo?

Con il nuovo anno si fanno già buoni propositi e tra i primi da realizzare c’è la volontà di richiedere un aumento dello stipendio al capo.

In fin dei conti all’interno di un iter professionale è normale puntare alla propria crescita ed al benessere economico.

Se ti sei accorto di fare un buon lavoro e di raggiungere ottime performance, allora è giunto proprio il momento di richiedere l’aumento del salario al capo.

Anche se non è semplice, visti i tempi in cui navigano le aziende, è possibile provarci.

Basta solo seguire qualche utile consiglio per chiedere un incremento del salario. Ecco qualche utile dritta per non sbagliare.

Chiedere un aumento di stipendio: consigli per non sbagliare

Come richiedere l’aumento salariale al capo?

Scegli il momento più opportuno

Prima di fissare un incontro con il datore di lavoro ricorda di scegliere attentamente il momento giusto e più propizio per richiedere un incremento salariale.

Anche se non è semplicissimo è buona prassi parlare dell’aumento salariale all’interno di una conversazione lunga e complessa, che riguardi per la carriera.

Inutile iniziare discussioni di questo tipo quando l’azienda sta vivendo momenti di difficoltà economica.

Raccogli la lista dei tuoi successi

Prima di fissare un incontro con il datore di lavoro per richiedere un incremento salariale, prepara la lista dei risulti raggiunti durante il tuo percorso professionale.

Avere le idee ben chiare

Prima di richiedere esplicitamente l’aumento salariale, è bene avere già le idee chiare.

Devo capire se la proposta deve essere legata ai risultati raggiunti o preferisci chiedere delle percentuali sui successi.

Puoi anche tentare di negoziare un nuovo fisso mensile o richiedere l’auto aziendale o il rimborso di certe spese personali.

Giusto atteggiamento

È buon consiglio recarsi dal capo con tranquillità, senza nervosismi e senza essere aggressivi.

Controllarsi è sempre il giusto atteggiamento e, nel caso in cui l’incremento salariale ti sia negato, non arrabbiarti, ma puoi valutare altre offerte lavorative.

In bocca al lupo!