Home Salute & Benessere Che cos’è la vitiligine e perché causa chiazze bianche sulla pelle?

Che cos’è la vitiligine e perché causa chiazze bianche sulla pelle?

CONDIVIDI

Gli esperti non comprendono del tutto questa condizione della pelle che cambia la vita. Ecco cosa sapere.

vitiligine
vitiligine

La vitiligine è una condizione della pelle che induce le persone a perdere il pigmento su chiazze di pelle. Queste macchie in genere diventano sempre più pallide, alla fine appaiono bianche con bordi chiaramente visibili.

Esistono due tipi di vitiligine: segmentale e non segmentale. Il primo in genere colpisce solo un lato o un’area del tuo corpo. Quest’ultima è la forma più comune di vitiligine e le macchie bianche e senza pigmenti colpiscono simmetricamente entrambi i lati del corpo.

Gli esperti non comprendono del tutto il motivo per cui una persona sviluppa la vitiligine, né sanno cosa determina il tipo che ottengono, dice Christel Malinski, dermatologo certificato presso la Benson Dermatology.

“La vitiligine è una malattia multifattoriale che può avere cause sia genetiche che ambientali, e non sappiamo davvero perché alcune persone ottengano una forma piuttosto che un’altra“.

Sintomi della vitiligine

Macchie di pelle senza colore sono il segno principale che una persona ha la vitiligine. Ma la condizione può anche far diventare i capelli bianchi o grigi nelle aree interessate.

La vitiligine può comparire in qualsiasi parte del corpo, ma i cerotti sono generalmente visti su viso, mani, ascelle e genitali.

I cerotti alla vitiligine variano ampiamente in termini di dimensioni e numero da persona a persona. Di solito non c’è modo di sapere quando la vitiligine si fermerà o quanto velocemente progredirà.

Cause della vitiligine

La vitiligine si sviluppa quando i melanociti (cellule che producono il pigmento) muoiono o semplicemente smettono di produrre melanina. La comunità medica non sa ancora esattamente perché questo accada, solo che ci sono fattori genetici e ambientali in gioco.

Spesso la vitiligine è considerata una malattia autoimmune. “Soprattutto nella vitiligine non segmentale, i melanociti sono attaccati dal corpo”, spiega il Dr. Malinksi.

È anche associata ad altre condizioni autoimmuni in alcuni pazienti, quindi molte volte selezioneremo i pazienti con vitiligine per altre malattie autoimmuni. Se hai una malattia autoimmune, è più probabile che tu ne abbia un’altra“.

Oltre ad avere altre malattie autoimmuni o una storia familiare di condizioni autoimmuni, hai anche maggiori probabilità di sviluppare la vitiligine se altri membri della famiglia ce l’hanno, se sei stato esposto a determinate sostanze chimiche industriali o se hai il melanoma, un pericolo tipo di cancro della pelle.

Come viene diagnosticata la vitiligine?

A volte i medici possono diagnosticare la vitiligine solo guardando la pelle (e ascoltando la storia familiare). Ma in altri casi, non è così semplice.

A volte è necessaria una biopsia, spiega il Dr. Malinski. “Se il paziente ha la pelle chiara e lo scolorimento non è così evidente, viene utilizzata una luce speciale chiamata lampada di Wood. La luce aiuta sostanzialmente a vedere meglio la differenza di colore causata dall’assenza di melanociti”, afferma.

Trattamento della vitiligine

La vitiligine è una condizione a lungo termine, ma non è pericolosa per la vita e non deve necessariamente essere curata. La maggior parte dei trattamenti tenta di ripristinare il colore della pelle o persino il tono della pelle, ma potrebbe non funzionare sempre e potrebbe avere effetti collaterali.

Se decidi di proseguire il trattamento, potrebbe comportare steroidi topici, terapia della luce o farmaci, afferma il Dr. Malinski. Ci sono anche procedure chirurgiche per la vitiligine, incluso l’innesto di un pugno, dice, “dove puoi prendere la pelle pigmentata da un’area del corpo e trasferirla nell’area della vitiligine, e talvolta quella pelle causerà la pelle con effetto vitiligine -pigmento“.

Far fronte alla vitiligine

Molte persone che rinunciano al trattamento per la vitiligine si rivolgono ai cosmetici – basi, correttori, ecc. – per aiutare a coprire la vitiligine se ne sono veramente infastiditi. Altri abbracciano la loro vitiligine e non la nascondono, come la modella Winnie Harlow.

C’è comunque un passo importante per chiunque abbia la vitiligine: la protezione solare. Le aree della pelle colpite dalla vitiligine sono particolarmente sensibili alle scottature e ai danni del sole perché non c’è melanina per proteggerla. (C’è anche la possibilità che i danni del sole possano diffondere la vitiligine.) La protezione solare previene anche l’abbronzatura e l’abbronzatura può rendere più evidenti le aree colpite.

Fonte foto: https://www.instagram.com/p/B0eHaW5FdYM/?utm_source=ig_web_copy_link