Home News Censis, rapporto disastroso: “Peggioramento del tenore di vita e Natale povero”

Censis, rapporto disastroso: “Peggioramento del tenore di vita e Natale povero”

CONDIVIDI

Il rapporto del Censis mette nero su bianco come sarà il Natale 2020 per 5 milioni di italiani e di come sia cambiato il proprio tenore di vita.

Censis, rapporto disastroso: "Peggioramento del tenore di vita e Natale povero"

Il Censis ha stilato un rapporto che indica il peggioramento della situazione economica italiana mettendo l’accento sul Natale.

Il rapporto sul tenore di vita in Italia

Un tenore di vita che punta al ribasso e un Natale molto povero per 5 milioni di italiani, come evidenzia il Rapporto Censis Tendercapital sui Buoni Investimenti.

Non sono dati inaspettati ed è una conseguenza della pandemia che prende la scia di una situazione già in corso precedentemente:

“la sostenibilità al tempo del primato della salute”

L’emergenza sanitaria quindi non ha colpito solamente la salute, non solo in Italia ma in tutto il mondo, bensì l’economia con i cittadini che si sono visti redditti familiari ridotti. Secondo la stima sono 2 milioni le persone che sono state duramente colpite durante la prima ondata e altrettanti lo sono durante la seconda, stimando inoltre che 9 milioni hanno integrato i loro redditi chiedendo aiuto a banche o familiari.

I dati nello specifico

Come riportano vari media, questo Rapporto mette nero su bianco una situazione molto delicata e una società in grande affanno dove la sostenibilità sociale si scontra con quella economica nonchè ambientale. Il futuro non può essere visto come un aiuto da parte dello Stato, bensì si dovranno mandare avanti investimenti tanto da reinventare la società attuale.

L’82,2% degli italiani risulta essere a favore di tutte le misure che impongono la permanenza nel Paese di tutti gli stabilimentoche producono i beni per l’emergenza sanitaria. Il 34,8% delle donne intervistate, inoltre, lamenta il peggioramento nell’impiego così come il 23,9% degli uomini.

Il Presidente del Censis De Rita ha evidenziato:

“La coesione sociale è un presupposto di crescita come un buon welfare”

Per questo motivo la pandemia lascerà dietro una società diseguale e impaurita, che cercherà di emergere e crescere.