Home News Cavallette rosa, sono belle e rare: ne esiste solo una su 500

Cavallette rosa, sono belle e rare: ne esiste solo una su 500

CONDIVIDI

Le bellissime immagini delle cavallette rosa, una rara mutazione genetica. Hai una possibilità su 500 di poterne vedere una.

cavallette rosa

Avete mai viso delle cavallette rosa? Un incontro è molto raro, perché esiste una possibilità su 500 di poterla vedere. A rendere virali le foto è stato l’appassionato di insetti Deri Saputa. Ha deciso di condividere sulle sue pagine social il suo incontro fortunato avvenuto la scorsa settimana.

L’incontro fortunato

Deri Saputa ha trovato la cavalletta rosa in un giardino a Austin in Texas. Non si tratta di una specie nuova o rara, ma di una semplice mutazione genetica chiamata eritrismo. Possiamo paragonarla all’albinismo perché è causata da un gene recessivo. In questo caso però, i pigmenti scuri sono in sottoproduzione, al contrario abbiamo una sovrapproduzione di pigmenti rossi.

#criptoL'eritrismo, rutilismo o isabellismo è quella condizione che nell'uomo (inteso come essere umano) è…

Pubblicato da Cripto su Lunedì 29 luglio 2019

Esistono naturalmente animali rosa naturalmente come il fenicottero e una varietà di cavalletta. In questo caso la Amblycorypha oblongifolia, colloquialmente detta katydide o tettigonide ha come colore suo il verde, con un aspetto simile ad una foglia per colore. Addirittura ha delle venature sulle ali del tutto simili a quelle del fogliame. La sua peculiarità è il mimetismo, è un animale che si armonizza con l’ambiente circostante.

La particolarità della tettigonide

Possiamo ben comprendere come questa particolarità per quanto peculiare sia non è un vantaggio. Il colore rosa rende estremamente visibile il tettigonide e quindi facilmente catturabile dai predatori. Il verde così simile alle foglie gli permetterebbe di mimetizzarsi, anche se ai nostri occhi questa rarità rimane estremamente affascinante.

Questa mutazione particolare è riscontrabile in molti insetti di questa famiglia. Per la prima volta si è potuto osservare e documentare questa mutazione nel 1887. Essa è visibile esclusivamente in quelle giovani, perché difficilmente raggiungono l’età adulta proprio a causa del colore sgargiante. Questo è anche un motivo per cui gli insetti di questo colore sono così difficilmente visibili.