Home Salute & Benessere Cattivi ragazzi: perché molte donne hanno un debole per loro?

Cattivi ragazzi: perché molte donne hanno un debole per loro?

CONDIVIDI

Sono affascinanti ed eccitanti, ma spesso distaccati e pessimi per il nostro benessere, i ‘cattivi ragazzi’ fanno strage di cuori.

Ma perché anche dopo averne conosciuto il tipo non ne abbiamo abbastanza? Sappiamo tutti che è un fenomeno reale: una ragazza dolce e ignara incontra un ragazzo che la tratta malissimo. La ragazza viene coinvolta nonostante questo fatto dolorosamente ovvio, e tutto finisce in una grande, tragica ragnatela di sofferenza e devastazione.

È quasi un rito di passaggio alla femminilità, e ammettiamolo: ci siamo già passati tutti. Sono un po’ come i Johnny Deep, i George Clooney,  i Leonardo DiCaprio  e i delle nostre storie.

E anche se tutti sappiamo come finisce la storia (che è vecchia come il tempo), è un affetto che di solito richiede tempo, crescita e molta disperazione, per scuotersi.

Ma prima di andare oltre, definiamo il “cattivo ragazzo”. Non è una caratteristica tangibile, ma piuttosto le qualità, l’atteggiamento e la mentalità di individui che hanno semplicemente una vibrazione particolare.

Sono emotivamente distanti, tremendamente indisponibili, di solito abbastanza chiaramente timorosi dell’impegno, ed estremamente difficili (di solito impossibili) da trattenere.

Sono spesso un po’ arroganti, enormemente autentici e spudoratamente egoisti. Per qualche ragione sconcertante, è tutto così accattivante.

Ma la loro caratteristica più distintiva è che un ragazzaccio è esattamente questo. Un ragazzo.

Cattivi ragazzi: perché piacciono così tanto?

Ma a quanto pare, questa passione non è interamente colpa nostra. Ci può essere una vera ragione scientifica per cui cerchiamo di fare la fila per i cattivi ragazzi.

La scienza ci dice che questi tipi di uomini sono percepiti come iper-mascolini rispetto alla quintessenza del “bravo ragazzo”, il che oscura la nostra percezione in vari modi.

Desiderio inconscio di ribellarsi?

In primo luogo, li fa apparire più attraenti per noi a livello inconscio ed evolutivo. Questa maggiore attrazione sessuale è abbinata al fatto che la mascolinità accentuata spesso ci fa sentire sicuri e protetti. E spesso, questo è ciò che le giovani donne credono di volere e di cui hanno bisogno dalle relazioni romantiche nei nostri vent’anni.

Inoltre la ricerca che suggerisce che siamo attratti dalle qualità degli altri che vorremmo avere in noi stessi, ha senso che siamo attratte da questo tipo di uomini; come donne, siamo socializzate ad essere conformi e disponibili.

Quindi, forse, le nostre abitudini di appuntamento rivelano in realtà un desiderio interiore subconscio di esprimere la nostra ribellione oppressa e il desiderio di quel tipo di libertà sfrenata di cui osserviamo questi ragazzacci, anche se con risentimento.

I 20 anni sono spesso un periodo di grande crescita; così psicologicamente, ha molto senso cercare persone che si adattino a questa incertezza e imprevedibilità mutevole. Più il tuo interesse amoroso non è emotivamente disponibile, più ti senti insicuro della situazione.

In sostanza quando una relazione ci lascia con questa sensazione di complicata insicurezza, corrisponde alla sconcertante incertezza che stiamo già vivendo nei nostri 20 anni.

Le donne amano le sfide

E infine, è una verità universalmente riconosciuta che le donne amano una buona sfida. Ma potrebbe essere che la nostra attrazione per i ragazzacci problematici possa essere il sottoprodotto del nostro desiderio di occuparci di progetti di correzione?

Nonostante il desiderio di questo tipo di donne premurose di vedere sempre il bene nelle persone, raramente questi uomini permettono alle buone intenzioni di una persona di assistere a un cambiamento positivo.

Se le donne fossero paragonate ad un cesto di pesche beh i ragazzacci non ne vorrebbero una sola, ma l’intero cesto, sicuramente i cattivi ragazzi diventeranno uomini meravigliosi e decenti a tempo debito. Solo che non è ancora il loro tempo. Quindi, non importa quanto duramente ci provi, non puoi forzare il cambiamento. E dopo tutto, perché vorresti farlo?