Home Cronaca Castel Volturno, invia foto e video hot a un minorenne su WhatsApp:...

Castel Volturno, invia foto e video hot a un minorenne su WhatsApp: arrestato un 30enne

CONDIVIDI

E’ stato posto agli arresti dai carabinieri di Caserta (Castel Volturno) per adescamento di minore e pedo pornografia, un uomo di 30 anni.

Invia foto e video hot a un minorenne.

Scatti hot a un 14enne di Ischia.

Adescato su WhatsApp e Telegram

Le conversazioni che hanno avuto il loro inizio nel febbraio 2020, sono state sorprese dalla madre del ragazzo, che si è indirizzata ai militari.

L’uomo si era messo in contatto con un ragazzo di 14 anni su WhatsApp e Telegram, e dopo un aggancio piuttosto rapido e grossolano è arrivato subito al dunque.

Il trentenne gli aveva inoltrato tramite i social network fotografie private e aveva tentato di ricevere da lui chiamate in video e analoghi messaggi.

Tuttavia le conversazioni, che hanno avuto inizio un anno prima, sono state sorprese dalla mamma del ragazzino, che si è subito indirizzata dai carabinieri i quali hanno proceduto all’arresto dell’uomo.

La donna prendendo visione del cellulare del figlio e letto le chat e si è resa conto immediatamente conto che non era un ragazzo della stessa età a dialogare con suo figlio, ma un uomo adulto che gli inviava foto e video.

Scoperta l’identità del pedofilo

Come riferisce linserto.it, le investigazioni sono state eseguite ad opera dal Nucleo Operativo e Radiomobile di Ischia, coordinati dal sostituto procuratore Cristina Curatoli  della Procura di Napoli.

Una vota risaliti all’identità all’identità del pedofilo un uomo di 30 anni di Castel Volturno, in provincia di Caserta, sono scattate immediate le manette, infine i Carabinieri hanno posto l’uomo grazie ad un’ordinanza di custodia cautelare, agli arresti domiciliari emessa dal giudice di Napoli.

Ora l’uomo dovrà essere sottoposto a un processo, con l’accusa di adescamento di minorenni, tentata pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico ai danni di un minore di 14 anni.

Gli inquirenti una volta presa visione del cellulare dell’uomo hanno rinvenuto oltre alle conversazioni in chat in trattenute col minore ben 114 fotografie e 136 video dal contenuto esplicitamente pedo-pornografico.