Home Casi Caso Martina Rossi, il 22 luglio si deciderà sul ricorso di Luca...

Caso Martina Rossi, il 22 luglio si deciderà sul ricorso di Luca Vanneschi

Secondo i giudici la ragazza sarebbe precipitata nel vuoto, tentando di sfuggire ad uno stupro da parte di Luca Vanneschi ed Alessandro Albertoni.

caso Martina Rossi

Lo scorso 28 aprile i due imputati sono stati condannati a 3 anni di carcere con l’accusa di violenza sessuale. L’altro reato è caduto in prescrizione.

La morte di Martina Rossi

Era il 3 agosto del 2011 quando Martina Rossi, studentessa 20enne di Genova, precipitò dal sesto piano di un albergo a Palma di Maiorca.

Quell’estate Martina era in vacanza con due amiche. La sera della sua morte salì in camera con due ragazzi, quando precipitò dal sesto piano dell’hotel.

Nella sentenza di primo grado i giudici avevano condannato Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni, 29 e 28 anni rispettivamente, a sei anni, con l’accusa di tentata violenza e morte in conseguenza ad altro delitto.

Leggi anche –> Morte Martina Rossi, il giorno decisivo: la Cassazione annulla l’assoluzione

La sentenza di condanna e la nuova udienza in Cassazione

Lo scorso 28 aprile la corte d’appello di Firenze ha condannato a 3 anni di carcere Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi.

Secondo l’accusa, Martina Rossi stava sfuggendo a un tentativo di stupro quando precipitò da quella stanza d’albergo.

In aula erano presenti i genitori della ragazza ed i due imputati, che sono stati condannati per violenza sessuale di gruppo.

“Dicono che il sole vada ai belli ma oggi è andato anche ai giusti. Questa è la fine di un tentativo di fare del nuovo male a Martina. Ci hanno provato ma non ci sono riusciti. Il mio primo pensiero è andato a lei, ai suoi valori, a lei che non ha fatto niente e ha perso la vita”.

Erano state queste le parole di Bruno, papà di Martina, al culmine della lettura della sentenza di condanna.

Per il 22 luglio prossimo è stata fissata l’udienza in Cassazione per Luca Vanneschi. Non è ancora certo se il ricorso sia stato presentato anche da Albertoni.