Home Politica Caso Gregoretti, pm chiede il non luogo a procedere per Salvini: “Non...

Caso Gregoretti, pm chiede il non luogo a procedere per Salvini: “Non fu sequestro di persona”

Secondo la Procura, il governo condivideva la linea dell’allora ministro dell’Interno.

caso gregoretti, processo Salvini

Matteo Salvini è accusato per il ritardo dello sbarco di 131 migranti nel luglio del 2019 ad Augusta.

Il caso Gregoretti

In una Catania blindatissima, è iniziato lo scorso 3 ottobre il processo a carico dell’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini. L’accusa per il leader del Carroccio è di sequestro di persona.

La vicenda risale al luglio 2019, quando l’allora Ministro dell’Interno bloccò lo sbarco di 131 migranti, salvati dalla nave Gregoretti.

Lo sbarco restò in stallo per 4 giorni, per via anche di una segnalazione del governo tedesco, che aveva parlato della presenza di due scafisti a bordo dell’imbarcazione.

Il leader della Lega aveva già annunciato di non voler chiamare a deporre il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sebbene la sua parola potesse aiutarlo a spiegare la situazione e gli accordi presi.

I migranti sarebbero rimasti a bordo di quella nave, ha raccontato Salvini, solo il tempo necessario per decidere il loro ricollocamento nei Paesi Ue.

Chiesta l’archiviazione del processo

Questa mattina, la Procura, come si supponeva già da diverso tempo, ha chiesto l’archiviazione del processo a carico di Matteo Salvini.

Come riferisce anche La Repubblica, il pubblico ministero ha spiegato che la condotta di Matteo Salvini non costituisce reato.

“Non si può parlare di sequestro di persona, il governo condivideva la sua linea politica che era quella della ricollocazione dei migranti in via prioritaria. Non che sia giusto e condivisibile ma si può ritenere che Salvini abbia violato le convenzioni internazionali? Si può definire illegittima la sua scelta di assegnare tardivamente il porto di sbarco? A mio avviso no”

ha concluso il pm.

Matteo Salvini era presente in aula.

Leggi anche –> Italiani scomparsi in Messico, due poliziotti condannati a 50 anni di carcere

Il prossimo 14 maggio si decideranno le sorti del leader della Lega e le scelte sono essenzialmente due: un decreto di rinvio a giudizio o una sentenza di non luogo a procedere, come richiesto questa mattina dal pm.