Home News Caso Cucchi, Salvini querelato da Ilaria: “Non può giocare con il corpo...

Caso Cucchi, Salvini querelato da Ilaria: “Non può giocare con il corpo di mio fratello”

CONDIVIDI

Ilaria querela Salvini per una frase detta in merito al caso di suo fratello. “La droga fa male” questa l’affermazione del leghista.

cucchi

In merito al caso Cucchi e alla querela ricevuta Salvini si dice tranquillo.

Caso Cucchi: un commento che non è passato inosservato

Salvini, dopo la sentenza sul caso Cucchi, espressa dalla Corte d’Assise, aveva espresso un commento che non è passato inosservato alla sorella del geometra romano.

Salvini ha pubblicato il commento incriminato sulla sua pagina Facebook:

“Cucchi dimostra che la droga fa male”

L’ex ministro si è detto tranquillissimo e, intanto, Facebook non ha oscurato i commenti di minacce e falsità.

Ilaria Cucchi vuole difendere la dignità del fratello

Ilaria Cucchi procederà per vie legali perché Salvini. Lo ha annunciato attraverso un post su Facebook. Come si legge su TgCom24:

“Il signor Matteo Salvini non può giocare sul corpo di Stefano Cucchi. Non posso consentirglielo. Questo era il suo volto quando io ed i miei genitori lo vedemmo all’obitorio il 22 ottobre del 2009. Questo era quel che rimaneva di Stefano. Dei suoi diritti. Della sua dignità di essere umano”.

Il post continua sottolineando che Facebook non ha oscurato il commento di Salvini mentre, con molta probabilità, oscurerà il suo perché colpevole di urtare la sensibilità di qualcuno. L’ennesima lotta di Ilaria è ancora una volta per il fratello ucciso ma anche ai suoi genitori, oggi particolarmente sofferenti.

“Lo devo a mio padre la cui fiducia nello Stato ha fatto sì che compisse il sacrificio piu’ pesante che si potesse chiedergli: denunciare il proprio figlio, da morto e dopo averlo visto in queste terribili condizioni, per la sostanza stupefacente trovata a casa sua”.

Ilaria ha sostenuto fermamente che il fratello avrebbe sì, dovuto pagare per i suoi errori ma certamente non morire. L’ex ministra non si ferma e va avanti. Il tempo ci dirà a cosa porterà questa querela.