Home News ‘Carolyn Smith è morta’: la giurata di Ballando con le stelle vittima...

‘Carolyn Smith è morta’: la giurata di Ballando con le stelle vittima di nuovo di orribili fake news

CONDIVIDI

Carolyn Smith data per morta, in rete circola una fake news, ma  lo staff chiarisce: “È sotto cure”

Carolyn Smith
Carolyn Smith

Il volto di Ballando Con le Stelle data per morta sul web. Ma interviene lo staff di Carolyn Smith, ecco cosa è successo.

Carolyn Smith morta: fake news

La ballerina americana è nota al grande pubblico soprattutto nelle vesti di presidente di giuria nel talent show di RAI Uno Ballando con le stelle condotto Milly Carlucci. Sui social è molto seguita e con i suoi numerosi seguaci ha deciso di condividere la sua battaglia personale contro il tumore, ogni giorno combatte come una vera guerriera proprio come Nadia Toffa. La scoperta della malattia non ha spazzato via il suo sorriso e la sua grinta.

Nelle ultime ore, Carolyn Smith è stata protagonista, al suo mal grado, di una fake news che ha fatto preoccupare non poco la sua grande famiglia virtuale. Cosa è successo? Alcuni siti di informazione  hanno scritto dei titoli che lasciavano intendere che la ballerina americana non ce l’avesse fatta. Ma ovviamente è una notizia falsa e sui social è intervenuto il suo staff.

Lo staff chiarisce

Carolyn Smith è viva e nonostante si stia sottoponendo alla cure è al lavoro. Sui social, lo staff della coreografa è intervenuto con un comunicato stampa per spiegare le reali condizioni del giudice:

 

“Viste le ripetute pubblicazioni poco rispettose nei confronti di Carolyn Smith sulle sue condizioni di salute, si richiede rispetto per la persona. L’artista com’è già noto, è sotto cure, non è completamente guarita, ma sta bene e lavora. Non è più tollerabile leggere titoli inventati che portano la ‘morte’ dell’artista solo per attirare l’attenzione dei lettori”. 

Infine si aggiunge:

 “Le comunicazioni ufficiali vengono diffuse solo e soltanto dell’artista tramite i social network o dal suo ufficio stampa Dario Sardonè. È doveroso precisare che per fortuna la maggior parte delle testate sono formate da persone sensibili e professionisti straordinari”