Home Casi Carmagnola, Riccio accusato di omicidio aggravato dalla crudeltà: “Ha infierito contro le...

Carmagnola, Riccio accusato di omicidio aggravato dalla crudeltà: “Ha infierito contro le vittime”

CONDIVIDI

All’accusa di duplice omicidio, si aggiunge una pesante aggravante. Il 39enne ha ucciso la moglie Teodora ed il piccolo Ludovico.

omicidio Carmagnola

Esclusa invece la premeditazione. Alexandro Riccio avrebbe agito d’impeto.

L’omicidio di Teodora e Ludovico

Era lo scorso giovedì notte quando in un’abitazione di Carmagnola, provincia di Torino, si è consumata una duplice tragedia.

Alexandro Riccio, 39 anni, ha ucciso la moglie ed il figlioletto di 5, poi ha tentato, inutilmente, di togliersi la vita.

Ha provato a tagliarsi le vene, poi si è lanciato dal balcone di casa. Un vicino ha allertato i soccorsi, che nulla hanno potuto fare per Teodora e Ludovico.

Alexandro invece è riuscito a salvarsi ed è stato trasferito in ospedale. Il 39enne ha colpito la moglie con 15 coltellate, mentre la donna era a letto. Il piccolo Ludovico è stato ucciso con 8 fendenti.

Quando i soccorsi sono giunti nell’abitazione di Carmagnola il bambino indossava ancora i suoi jeans ed era a terra nel corridoio, ormai senza vita.

La furia omicida di Riccio si è scatenata sulla moglie Teodora. La donna infatti, non solo è stata colpita da 15 fendenti, ma il marito le ha buttato addosso qualsiasi oggetto gli capitasse tra le mani, anche una tv. Poi una cornice, un quadro e delle bottiglie.

A morire per prima, secondo i primi esami, sarebbe stata proprio Teodora. Poi è toccato al piccolo Ludovico, che forse ha provato a difendersi dal papà.

Omicidio aggravato dalla crudeltà

Alexandro Riccio è stato arrestato con l’accusa di duplice omicidio volontario, aggravato dalla crudeltà.

Le coltellate inferte alla moglie e a suo figlio confermano l’aggravante della crudeltà. Esclusa invece quella della premeditazione, almeno per il momento.

Gli inquirenti, come riferisce anche Fanpage, ritengono che l’omicidio di Teodora e Ludovico non sia stato premeditato, ma piuttosto sia arrivato d’impeto, al culmine di una lite.

Quel che è certo è che Teodora avesse chiesto al marito di separarsi, perché il loro matrimonio non funzionava più da tempo.