Home News Cappotto termico: le agevolazioni fiscali, ecco le spese ammesse

Cappotto termico: le agevolazioni fiscali, ecco le spese ammesse

CONDIVIDI

Uno dei 3 interventi trainanti per il Superbonus al 110% è il cappotto termico, che consente di fornire un importantissimo vantaggio legato alla completa eliminazione dei ponti termici che sono responsabili di vistose muffe interne.

cappotto termico

Dal punto di vista energetico, il sistema a cappotto termico consente di beneficiare del miglior isolamento termico esterno: il calore prodotto all’interno rimane più a lungo nella struttura dell’edificio e in estate previene il suo eccessivo riscaldamento.

Il cappotto termico consiste in una serie di strati isolanti applicati esternamente o internamente agli edifici in modo tale da garantire un isolamento completo sia termico che acustico.

Esistono due tipi di isolamento a cappotto: quello interno e quello esterno all’abitazione.

Il cappotto termico interno consiste nel disporre i pannelli isolanti, di spessore ridotto rispetto a quelli esterni, sulle pareti interne delle abitazioni.

L’isolamento a cappotto esterno è un tipo di applicazione diffusa, in particolare in piccoli edifici o in ville unifamiliari, ma è usata anche per le facciate dei condomini.

Cappotto termico: i materiali utilizzati

A seconda delle diverse esigenze è possibile scegliere tra diversi materiali per l’isolamento.

Esistono principalmente due tipi di materiali usati: quelli sintetici e quelli naturali/minerali.

Tra i materiali sintetici più usati ci sono il polistirene, espanso o estruso (ESP e XPS), e il PVC, che hanno un costo inferiore e hanno ottime caratteristiche isolanti.

Per quanto concerne i materiali naturali e minerali è possibile optare per i pannelli di origine naturale, come quelli in fibra di legno o vetro e sughero, che sono ottimi isolanti termici ed acustici, ance se più costosi.

Cappotto termico: quali sono le agevolazioni fiscali?

Per quanto concerne le spese ammissibili all’Ecobonus per gli interventi di coibentazione degli edifici, l’ENEA fa riferimento a quelle indicate dall’art.3 del c.d. Decreto Edifici:

  • fornitura e messa in opera di materiali ordinari, anche necessari alla realizzazione di ulteriori strutture murarie a ridosso di quelle preesistenti, per il miglioramento delle caratteristiche termiche delle strutture esistenti;
  • spese per oneri amministrativi;
  • fornitura e posa in opera di materiale coibente e materiali ordinari funzionali alla realizzazione dell’intervento;
  • opere provvisionali e accessorie strettamente funzionali alla realizzazione degli interventi;
  • produzione della documentazione tecnica necessaria, compresa la redazione dell’APE.