Home News Capovaccaio un rarissimo e stupendo rapace a rischio estinzione

Capovaccaio un rarissimo e stupendo rapace a rischio estinzione

CONDIVIDI

Caccia illegale, altre attività di disturbo, distruzione dell’habitat abituale di nidificazione di questo particolare avvoltoio.

L’avvoltoio capovaccaio è rarissimo rapace italiano che è sull’orlo dell’estinzione. Il suo nome scientifico è Neophron percnopterus e probabilmente l’uccello più a rischio del nostro paese.

La particolarità del piccolo avvoltoio

Il capovaccaio è un uccello migratore che da adulto adotta un piumaggio bianco. Passa l’inverno in Africa nella zona sub-sahariana e sempre più raramente viene nel nostro paese a nidificare. Predilige l’Italia Meridionale soprattutto la Sicilia e la Calabria.

Secondo le stime non ci sono più di dodici coppie nel nostro paese. Per l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) questa specie è classificata come CR. Si tratta del gradino prima dell’estinzione cioè il pericolo critico. La specie è tutelata dall’articolo 2 della legge 157/92.

I fattori di pericolo per la specie

La principale causa di questa classificazione è la presenza dell’uomo. In Sicilia è stato recentemente abbattuto un esemplare, il precedente episodio di bracconaggio è avvenuto nel settembre 2018 che vedeva protagonista una giovane femmina. Il capovaccaio viene abbattuto anche utilizzando bocconi avvelenati.

Il maggior pericolo sono le trasformazioni ambientali, oltre che l’ingombrante presenza dell’uomo. Si sta modificando l’habitat riducendo il cibo a disposizione. Altri pericoli sono i possibili avvelenamenti da pesticidi o le collisioni accidentali con le troppe pale eoliche o linee elettriche.

Secondo lo IUCN i dati sono preoccupanti. Nel periodo tra il 1970 e il 2007 la popolazione che nidificava in Italia, ha avuto un calo drastico dell’88,7%. Si sono attivati vari progetti anche a livello europeo, come ad esempio il LIFE ConRaSi e il LIFE Egyptian Vulpture.

Il loro scopo principale è quello di ridurre tutti i fattori di rischio per questa specie. Inoltre si sta cercando di incrementare la popolazione, allevando e rilasciando degli esemplari di giovane età, nati in cattività.