Home Politica Campania, l’attacco di De Luca dopo l’annuncio della zona rossa: “Cosa è...

Campania, l’attacco di De Luca dopo l’annuncio della zona rossa: “Cosa è cambiato?”

CONDIVIDI

Campania in zona rossa e il Governatore De Luca insorge contro il Governo, chiedendo chiarezza in merito a questa decisione improvvisa.

Campania, l'attacco di De Luca dopo l'annuncio della zona rossa: "Cosa è cambiato?"

Il Governatore della Campania non ha gradito la scelta del Governo in merito alla zona rossa e attacca anche Di Maio.

L’attacco di Vincenzo De Luca

Il Governatore Vincenzo De Luca, dopo l’annuncio della zona rossa, non ci sta e chiede spiegazioni al Governo:

“eravamo zona gialla e poi in sole 72 ore siamo diventate rossa. sarebbe bene che il ministero della salute ci dicesse cosa è cambiato”

Secondo il Governatore, il Governo non hanno letto i dati oppure l’ondata di

“sciacallaggio politico e mediatico”

Ci sono parole dure anche per Di Maio e in questo caso chiede proprio a Giuseppe Conte di intervenire il prima possibile:

“non è tollerabile che un ministro si metta a fare sciacallaggio contro un uomo che parla chiaro. ha detto cose ignobili”

Le parole di De Magistris

Non manca anche il botta e risposta tra De Luca e il Sindaco di Napoli De Magristris, indicando Napoli come una città completamente fuori controllo e che la Regione Campania ha lavorato ma inutilmente visti i risultati.

Il Sindaco di Napoli De Magistris non ha fatto attendere la sua replica:

“i numeri di posti letto non corrispondono a quelli che anche oggi sono stati forniti come ufficiali”

Secondo il Sindaco, questo passaggio veloce da giallo a rosso è proprio per dei dati non corretti ed è il momento di salvare delle vite.

Il Ministro Di Maio – come si legge ancora sul TGCom – ha picchiato duro:

“De luca avrà dato altro materiale per crozza…mettiamola così”

Tendendo però al Governatore un messaggio di pace e la richiesta di resa, lavorando insieme per la Regione e per tutti i cittadini che si trovano ora in zona rossa sino a quando non saremo tutti fuori dalla pandemia.