Home Spettacolo Camilla Parker ‘Carlo la trascinerà in tribunale’: guai in arrivo per la...

Camilla Parker ‘Carlo la trascinerà in tribunale’: guai in arrivo per la Duchessa

CONDIVIDI

Un momento che non sarà particolarmente felice per Camilla Parker. La Duchessa di Cornovaglia subirà una serie di ripercussioni legali a breve

Camilla regina carlo

Scopriamo insieme come mai Camilla Parker Bowles potrebbe finire al centro di azioni legali, qualora il marito salisse al trono al posto della Regina Elisabetta II!

Camilla rinuncia al titolo di Regina Consorte

Carlo e Camilla si sono uniti con una cerimonia civile alla Windsor Guild Hall il 9 aprile del 2005. A differenza della maggior parte dei matrimoni reali, i due non si sono sposati in una chiesa, poiché entrambi si erano già sposati prima.

Nel grande giorno di Carlo e Camilla, Clarence House confermò che Camilla sarebbe stata conosciuta come la “Principessa consorte” e non come la “Regina consorte”, qualora Carlo fosse salito al trono.

Il motivo? Per una forma di rispetto nei confronti di Lady Diana!

Secondo un esperto costituzionale, però, in qualità di moglie del re, Camilla avrà automaticamente il diritto di essere conosciuta come la “Regina consorte”.

Tuttavia, ci sarebbe una ragione a causa della quale Camilla potrebbe non assumere il titolo. Scopriamo insieme di cosa si tratta!

Camilla regina? Si scatenerebbero azioni legali

In base ad alcune fonti, Camilla non potrebbe diventare regina, perché il suo matrimonio civile del 2005 con il principe Carlo non sarebbe valido.

Poiché gli Atti sul matrimonio del 1753 hanno esplicitamente escluso i matrimoni civili, l’unico matrimonio valido che un membro della famiglia reale poteva contrarre in Inghilterra era un matrimonio religioso nella Chiesa d’Inghilterra.

La Constitution Unit, invece, ha respinto questo argomento nel 2005.

Nonostante la Constitution Unit sia dalla parte di Camilla, la donna potrebbe tecnicamente ancora affrontare sfide legali se si chiamasse “Regina consorte”.

Il Lord Cancelliere, nel 2005, avrebbe però difeso la validità del matrimonio civile del Principe Carlo, così come avrebbe fatto anche il cancelliere generale.

Non è escluso, però, che, se Camilla diventasse regina, potrebbe provocare ulteriori azioni legali.