Home Spettacolo Camilla Parker, “L’unica con la quale non sei stato”: spunta la terribile...

Camilla Parker, “L’unica con la quale non sei stato”: spunta la terribile umiliazione del primo marito

CONDIVIDI

Si parla spesso di Camilla Parker come moglie del Principe Carlo ma mai delle umiliazioni subite dal primo marito Andrew Parker Bowles.

Camilla Parker

Camilla Parker prima di sposare il Principe Carlo era la moglie di Andrew Parker Bowles, ma non tutti conoscono le umiliazioni che ha dovuto subire.

Perché ha sposato Andrew Parker?

Una donna che è sempre stata divisa dall’amore per il suo primo marito, per quello di Carlo e poi quello intoccabile verso i suoi figli  – la sua vera ragione di felicità.

Un destino che sembra essersi accanito sin da subito, infatti Camilla nonostante il suo amore per Carlo ha dovuto sposare un altro uomo. Il padre – Bruce Shand – non ha mai approvato la relazione con il figlio della Regina Elisabetta tanto da spingerla ai tempi tra le braccia di un altro uomo.

Nonostante tutto quello che è accaduto in questi anni, Carlo e Camilla si sono ritrovati e sposati, seppur il mondo ancora oggi non vede di buon occhio questa relazione.

Tradimenti e umiliazioni: la verità sul primo matrimonio di Camilla

Tantissime le indiscrezioni e le testimonianze sul primo matrimonio di Camilla, non proprio rose e fiori. Sembra infatti, come evidenzia Mail OnLine, che il primo marito della Shand la tradisse con più donne e sono state molte le umiliazioni subite in pubblico.

La biografia scritta dalla biografa Penny Junor mette in luce infatti alcuni aspetti inediti, facendo emergere molti dettagli sconosciuti di tutta la Famiglia Reale.

Tra i vari episodi si racconta quello di una cena informale, dove una amica di Camilla – seduta accanto a Andrew – avrebbe esordito così:

“sono così ferita…sono l’unica amica di Camilla con la quale non sei stato. cosa c’è di sbagliato in me?”

Andrew, secondo gli amici della coppia, era solito non farsi sfuggire le occasioni più piccanti. Pettegolezzo oppure realtà?