Home Cronaca Morte Camilla Canepa, la malattia non era indicata sulla scheda per il...

Morte Camilla Canepa, la malattia non era indicata sulla scheda per il medico vaccinatore

La ragazza soffriva di piastrinopenia autoimmune, una malattia caratterizzata dalla riduzione del numero di piastrine.

Camilla Canepa

Camilla aveva iniziato una terapia ormonale qualche giorno dopo il vaccino, il 29 maggio per l’esattezza.

La patologia di Camilla Canepa

È morta lo scorso giovedì pomeriggio all’ospedale San Martino di Genova la 18enne di Sestri Levante, Camilla Canepa, ricoverata dal 5 giugno scorso a seguito di una trombosi al seno cavernoso.

Il 25 maggio Camilla aveva partecipato ad un open day vaccinale e le era stata somministrata la prima dose del vaccino Astrazeneca.

Il 3 giugno erano iniziati i primi malesseri, tanto che Camilla si era rivolta al pronto soccorso dell’ospedale di Lavagna, lamentando cefalea e sensibilità alla luce. 

La ragazza era stata quindi sottoposta ad una Tac cerebrale  e ad un esame neurologico, ma era stata dimessa visto che erano risultati entrambi negativi.

Due giorni dopo Camilla era arrivata all’ospedale San Martino di Genova. Sottoposta ad una nuova Tac cerebrale, che questa volta aveva dato esito emorragico, la 18enne era stata sottoposta a due interventi chirurgici.

Leggi anche –> Morta dopo il vaccino Astrazeneca, Camilla Canepa soffriva di piastrinopenia autoimmune

La patologia di Camilla non era indicata nella scheda vaccinale

Nelle scorse ore è emersa la patologia di cui soffriva Camilla.La ragazza era affetta da piastrinopenia autoimmune familiare.

Questa patologia è una malattia caratterizzata dalla riduzione del numero di piastrine.

Il 29 maggio scorso, quindi 4 giorni dopo l’inoculazione del vaccino, la ragazza aveva iniziato ad assumere una doppia terapia ormonale.

I due farmaci che la ragazza stava assumendo erano uno a base di ormoni, il Progynova, e uno di estrogeni, il Dufaston.

Inoltre, come riferisce anche Il Corriere della Sera nella scheda compilata prima della somministrazione del vaccino sembra che Camilla non avesse indicato la sua patologia.