Home News Calabria, il neocommissario Gaudio si dimette: “Mia moglie non vuole trasferirsi”

Calabria, il neocommissario Gaudio si dimette: “Mia moglie non vuole trasferirsi”

CONDIVIDI

L’ex rettore dell’Università La Sapienza di Roma è il terzo che “salta”. Intanto Gino Strada ha fatto sapere di non aver ricevuto alcuna proposta formale.

eugenio Gaudio si dimette

Il governatore della Calabria ha quindi chiesto le dimissioni di Spirlì.

Gaudio rinuncia all’incarico da commissario alla Sanità

Il neocommissario alla Sanità in Calabria Eugenio Gaudio ha rinunciato all’incarico, che gli era stato affidato lunedì sera dal Consiglio dei ministri. Lo ha annunciato lo stesso Gaudio al quotidiano La Repubblica. 

Dietro la scelta ci sarebbero motivazioni personali, che l’ex rettore dell’Università La Sapienza ha così spiegato:

“Mia moglie non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare”.

A quanto sembra, Gaudio sarebbe anche stato disposto a buttarsi in questa nuova, importante mansione, dopo le dimissioni di Zuccatelli, volute dallo stesso Ministro della Salute, Roberto Speranza.

L’ormai ex commissario era infatti finito al centro delle polemiche, per via di un fuori onda, in cui aveva affermato l’inutilità delle mascherine e la necessità di mantenere soltanto il distanziamento sociale.

Le scuse si erano poi rivelate inutili, visto che il Ministro della Salute ne aveva chiesto le dimissioni.

La replica di Gino Strada

Intanto, in merito al No del neocommissario, è arrivata anche la replica di Gino Strada, che sul suo profilo Facebook ha replicato.

“Non ho ricevuto nessuna proposta formale e comunicherò personalmente le mie decisioni attraverso i canali ufficiali se ci sarà qualcosa di reale e concreto da comunicare”

ha annunciato.

Il fondatore di Emergency sarebbe quindi disponibile ad offrire il suo aiuto in questa situazione di emergenza nella regione Calabria.

“La situazione è già difficile, non serve che diventi grottesca”

ha chiosato.

Intanto, il rinunciatario Gaudio ha annunciato che continuerà ad insegnare due corsi di Medicina, oltre a proseguire la direzione dell’osservatorio della scuola di specializzazione di Medicina.