Home Cronaca Cadavere smembrato in Francia: dopo la denuncia a Chi l’ha Visto ritrovato...

Cadavere smembrato in Francia: dopo la denuncia a Chi l’ha Visto ritrovato Vittorio Barruffo

CONDIVIDI

Un cadavere smembrato in Francia che appartiene a Vittorio Barruffo, l’uomo che Chi l’ha Visto stava cercando dopo la denuncia di scomparsa. Ma cosa è accaduto?

Cadavere smembrato in Francia
Cadavere smembrato in Francia

Il cadavere smembrato in Francia appartiene ad un uomo napoletano, dove c’era una denuncia di scomparsa. Ecco le prime indiscrezioni.

La denuncia a Chi l’ha Visto

Vittorio Barruffo di 44 anni – napoletano – viveva insieme alla sua compagna a Montalieu – Vercieu. La donna a giugno aveva deciso di tornare in Italia per stare vicino alla sua famiglia e il compagno era concorde, ma l’avrebbe raggiunta alcuni giorno dopo.

Ma dal 9 luglio è come se Vittorio fosse scomparso nel nulla, non rispondendo più al cellulare e senza dare più alcuna informazione di sé. La compagna e i familiari, preoccupati, hanno denunciato la scomparsa dell’uomo diramando la richiesta anche al programma di Rai Tre Chi L’ha Visto che si è occupato del mistero dell’uomo napoletano.

Il ritrovamento di Vittorio Barruffo

Domenica è stato trovato un cadavere da parte di un cacciatore di Isere – una campagna francese della regione di Alvernia Rodano Alpi. Smembrato e avvolto in telo di cellophane trasparente – abbandonato in un bosco.

L’autopsia ha dato i primi risultati parlando di lesioni craniche che sono state inferte con un oggetto contundente. Il Procuratore di Grenoble – Eric Vaillant –  ha spiegato il fatto e ha evidenziato che

si procederà con altre analisi sul cadavere per capire le cause della morte e la data della tragedia”

Il quotidiniano francese Dauphiné Libéré ha dichiarato che la pista che stanno seguendo gli investigatori è quella della Camorra. L’identificazione è avvenuta tramite Dna e il ciondolo che portava in alcune foto è stato trovao, in un sacchetto di plastica lasciato vicino al corpo abbandonato.

Le indagini non si placano e si interrogano anche le persone vicine, al fine di avere alcuni dettagli aggiuntivi.