Home Cronaca Bus in fiamme a Milano, Ouddrynou Sy voleva fare una strage di...

Bus in fiamme a Milano, Ouddrynou Sy voleva fare una strage di bambini

CONDIVIDI

Dopo la tragica vicenda del bus in fiamme a Milano, vogliamo sapere chi è Ouddrynou Sy ovvero l’uomo che avrebbe voluto compiere la strage di bambini

Bus in fiamme a Milano, chi è Ouddrynou Sy: "Da qui non esce vivo nessuno"

Ouddrynou Sy è l’uomo che ieri ha compiuto il dramma del bus in fiamme a Milano, ma era già noto come nome e volto alle Forze dell’Ordine per piccole segnalazioni.

Chi è l’autista del bus di Milano

Ouddrynou Sy è l’uomo di origini senegalesi, che è in Italia da circa 15 anni dove ha una ex moglie italiana con due bambini di 12 e uno di 18 anni. Dipendente della Autoguidovie dal 2004, un uomo tranquillo che non ha mai dato alcun segno di squilibrio se non fino a ieri.

Riconosciuto dalle Forze dell’Ordine per guida in stato di ebrezza e per una denuncia per molestie, dalla quale era stato assolto in formula piena senza alcun risarcimento. Ma il suo obiettivo era quello di salvare in qualche modo i morti del Mediterraneo.

Il folle piano

L’autista del bus, secondo le indiscrezioni e come riportato da Il Giornale e Fatto Quotidiano, aveva pianificato tutto comprando 10 litri di benzina in due taniche e alcune fascette da elettricista per ammanettare i bambini.

La sua follia è stata preceduta da un video postato su YouTube dove si dichiarava stufo di tutte le morti in mare dei suoi connazionali, per questo ha progettato la sua personale vendetta – se possiamo chiamarla in tal modo.

Ha dirottato lo scuolabus con all’interno 51 studenti, due professori e una bidella per raggiungere Linate – al fine di poter tornare in Senegal quanto prima. Le accuse nei suoi confronti sono di strage, sequestro di persona con aggravante terrorismo anche se non avesse alcun contatto con l’Isis ma per la modalità delle sue azioni.

Secondo i ragazzi l’uomo aveva anche un coltello e una pistola per minacciarli:

“diceva che se ci muovevamo ci avrebbe dato fuoco”

Dopo aver loro ammanettati e posti in serio pericolo.