Home News Buoni Pasto, cosa cambia dal 2020: tasse in aumento ed erogazione

Buoni Pasto, cosa cambia dal 2020: tasse in aumento ed erogazione

CONDIVIDI

Buoni pasto, la tassa in busta paga: ecco cosa cambia da gennaio 2020

Dal 1° gennaio 2020 il limite imponibile dei ticket cartacei scende da 5,29 a 4 euro, mentre incrementa l’esenzione per i buoni elettronici da 7 a 8 euro.

Con la riduzione delle esenzioni vigenti per i buoni pasto cartacei, le imprese ed i lavoratori corrono il rischio di vedersi addebitare l’imponibile in busta paga.

La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto una vera e propria tassa “occulta” in busta paga, che potrebbe gravare soprattutto sui lavoratori a basso reddito già esclusi dai benefici provenienti dal “taglio” del cuneo fiscale.

I lavoratori con un reddito compreso tra i 26.600 euro e 35.000 euro potranno beneficare di un “bonus” in busta paga di 50 euro in più al mese.

Tuttavia, si rischia che questo “bonus” possa essere assorbito dal prelievo sui buoni pasto.

Buoni pasto 2020: tasse

Se fino ad oggi i buoni pasto cartacei erano esentasse fino all’importo di 5,29 euro, dal 2020 le tasse si pagheranno sull’importo eccedente i 4 euro – come riporta anche Today e Money.

Ecco un piccolo esempio per capire meglio: se un’azienda riconosce ai propri dipendenti un ticket restaurant del valore di dieci euro al giorno, attualmente le tasse si pagano sulla parte che eccede i 5,29 euro, mentre nel 2020, l’imponibile sarà di sei euro – come riportano i quotidiani nazionali.

Ciò significa che si avranno maggiori trattenute sulle buste paga dei dipendenti, ma ad essere penalizzati saranno anche gli stessi datori di lavoro, i quali dovranno calcolare i contributi previdenziali su un imponibile più elevato.

A chi spettano?

I Buoni Pasto 2020 spettano sia i lavoratori dipendenti assunti a contratto part-time che full-time, con regole e limiti ben precisi.

Si evidenzia che le aziende non sono obbligate ad erogarli, salvo diverse indicazioni che sono descritte e riportate nel CCNL di categoria.

Ogni lavoratore ha la possibilità di consumare il pasto, sia per il pranzo che per la cena.

Inoltre, è possibile beneficiare di buoni fruibili anche per fare la spesa al supermercato.