Home Cronaca Bullismo, 14enne di Modena presa in giro tenta il suicidio da un...

Bullismo, 14enne di Modena presa in giro tenta il suicidio da un tetto

CONDIVIDI

Nuovo caso di bullismo a Modena dove una ragazza di 14 anni ha tentato il suicidio lanciandosi da un tetto. Ecco cosa è accaduto

Bullismo, 14enne di Modena presa in giro tenta il suicidio da un tetto
Bullismo – foto di repertorio

Il bullismo è oramai una piaga della società e quanto accaduto a questa ragazza è così grave, da averla portata vicino alla tragedia.

Ragazza di 14 anni tenta il suicidio a Modena

Stava per essere una grande tragedia, dopo che questa ragazzina è arrivata al limite per le prese in giro e gli insulti da parte dei suoi coetanei.

Lo racconta la Gazzetta di Modena con una intervista ai familiari della ragazzina, per “denunciare” quanto avvenuto al fine che possa essere anche di aiuto per le altre persone.

La ragazzina da tempo stava subendo moltissime offese e minacce da parte dei suoi coetanei, che la prendevano costantemente in giro forse per i suoi chili di troppo e un modo di vestire per loro non corretto o alla moda. Il gruppo di bulli era composto sia da maschi e sia da femmine che hanno reso la sua vita molto difficile tanto da arrivare a pensare ad un gesto estremo e definitivo.

Ragazzina salvata dalla Polizia Locale

La disperazione ha devastato questa ragazza di 14 anni tanto da decidere di recarsi sul tetto della propria abitazione: il suo obiettivo era quello di lanciarsi nel vuoto per 10 metri.

I genitori della ragazza hanno prontamente contattato Polizia e Vigili del Fuoco, disperati tra le lacrime perché non riuscivano a fermare la figlia. Gli agenti sono arrivati subito sul posto: uno dei poliziotti ha scavalcato la ringhiera e fare un salto per aiutarla e tenderle la mano.

Grazie a questo gesto la ragazzina ha teso la mano e la storia ha avuto un lieto fine. Sulla pagina Facebook dedicata alle Forze dell’Ordine un post a loro dedicato:

“queste sono le forze dell’ordine: una mano tesa a salvare le vite, con la ferma condanna per il bullismo facciamo anche i complimenti al collega”