Home News La Bufala del cane trafitto da frecce al centro accoglienza di Pozzallo

La Bufala del cane trafitto da frecce al centro accoglienza di Pozzallo

CONDIVIDI

Vergogna per tutti quelli che hanno partecipato dando libero sfogo agli istinti più bassi: VERGOGNA!

L’autore di questo post non deve certamente essere un personaggio degno di stima: un post inalizzato a fomentare odio razziale e quindi anche perseguibile per istigazione alla violenza. Un post che come sempre accade – prima arreca dolore e pratica violenza – e poi sfrutta in un modo o in un altro, animali indifesi per trarre profitto personale.

LA NOSTRA RICHIESTA E’ DI BLOCCARE OGNI INTERAZIONE, CONDIVISIONE, COMMENTO O QUALSIASI ALTRA FORMA DI PARTICIPAZIONE!

Proprio quando si parla di Cambridge analitica, la gente condivide bufale come questa:

“Al Centro di accoglienza di Pozzallo…..(Sicilia) si gioca con arco e frecce, per ammazzare il tempo… SENZA PAROLE!!!”.

La foto è condivisa con questa didascalia dalla pagina Facebook Minions. Ha raccolto oltre 6 mila condivisioni e migliaia di like. Peccato che si tratta di un’immagine non italiana, scattata in Cina dove il rispetto per cani e gatti (quando non se li mangiano) non è certo lontanamente paragonabile a quello di una civiltà evoluta.

Il cane è vivo, E PER LA NOSTRA INFINITA FELICITA’ sta bene ed è stato salvato dagli attivisti. Si tratta di una storia avvenuta in Cina, risalente al 2016 e tirata fuori, in modo completamente falso, da una pagina Facebook che ha oltre 6 mila fan. Un modo che, oltre alla fake news sostanziale, sconfina anche in facili critiche verso l’accoglienza in Italia e il razzismo.

Una pagina FB ha pubblicato la foto seguente e ha sostenuto che il cane protagonista fosse stato trafitto da una freccia all’interno del Centro di accoglienza di Pozzallo. Fatto avvenuto in Cina e non riguarda l’Italia e i migranti.