Home News Brusciano ha onorato la Giornata Mondiale della Fraternità

Brusciano ha onorato la Giornata Mondiale della Fraternità

CONDIVIDI

A Brusciano l’associazione “Insieme si può” è stata protagonista di numerose iniziative come il “carrello solidale”.

Brusciano
Diverse le iniziative prese dall’associazione nei suoi 3 anni di attività.

Lo scorso 4 febbraio si è tenuta la celebrazione della storica firma al “Documento sulla fratellanza umana per la pace nel mondo e la convivenza” avvenuta due anni fa tra Papa Francesco ed il Grande Imam di al-Azhar, Ahmad Al-Tayyeb. Anche a Brusciano l’evento è stato ricordato.

La storica firma è avvenuta precisamente due anni fa

Nello specifico la città del napoletano si è ritrovata nella sede dell’associazione locale “Insieme si può“. Presenti all’evento, oltre al presidente del gruppo, Giuseppe Di Maio, il Consigliere Comunale Antonio Di Palma ed una delegazione dell’Associazione Cullatori Macchine.

Infine, era presente per IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali il giornalista e sociologo, Antonio Castaldo. Non solo, il gruppo di Brusciano nei suoi tre anni di attività ha adottato diverse iniziative per il sociale.

Particolare successo per la clownterapia istituita dall’associazione

In primis è stata adottata la clownterapia. Quest’ultima consiste nel far travestire i volontari in clown dottori in modo da strappare qualche sorriso agli anziani e ai bambini in cura. Data però, l’impossibilità dettata dal periodo di continuare a far le visite a casa e negli ospedali i clown si sono spostati.

Adesso i volontari si sono posizionati davanti ai supermercati dove regalano palloncini e pop corn ai bambini. Sempre nelle medesime zone è stato, inoltre, allestito il carrello solidale.

Non solo ai meno fortunati, con l’iniziativa Clochard i volontari portano provviste anche ai senzatetto della città. Inoltre, in questo periodo segnato dal Covid i membri di “Insieme si può” si sono impegnati anche nella consegna di medicinali agli anziani. Non solo iniziative di raccolta, i giovani dell’associazione hanno messo a disposizione, infine, anche diversi laboratori educativi.