Home Politica Brexit, la Regina Elisabetta: “Priorità del Governo uscire il 31 ottobre”

Brexit, la Regina Elisabetta: “Priorità del Governo uscire il 31 ottobre”

CONDIVIDI

La regina Elisabetta sulla Brexit ha pronunciato il tradizionale Queen’s speech sui provvedimenti da approvare. Priorità è l’uscita dall’Ue il 31 ottobre.

Brexit
Brexit

Un accordo sulla Brexit “è ancora possibile questa settimana”, ha fatto sapere Michel Barnier.

Brexit: uscita dall’Unione Europea

La brexit indica l’uscita dall’Unione Europea, come previsto dal referendum tenuto il 23 giugno 2016. Votazioni che ebbero, come prima conseguenza, le dimissioni dell’allora premier Cameron che provò strenuamente a persuadere gli elettori a rivalutare il Remain nell’UE. Il 29 marzo 2017, il nuovo primo ministro britannico Theresa May presenta una notifica per l’uscita del paese dall’UE. Il 15 gennaio 2019, il Parlamento inglese vota contro il piano concordato dal governo May e dall’UE, con una votazione che vede 432 voti contrari contro 202 favorevoli. Il 7 giugno 2019 Theresa May si dimette, mostrando profondo rammarico per non essere riuscita a realizzare l’uscita dall’Unione Europea.

A succederle Boris Johnson, leader dei Tory, partito conservatore inglese, che ha indicato nell’attuazione della Brexit, unione del Paese e la sconfitta di Jeremy Corbyn i suoi obiettivi.

Accordo ancora possibile?

Il Queen’s speech tenutosi di fronte al Parlamento europeo ha presentato gli scenari possibili nei prossimi mesi:

“Un accordo con il Regno Unito è ancora possibile questa settimana”

Per poi continuare:

“Il governo intende lavorare verso una nuova partnership con l’Unione europea, basata sul libero commercio ed una amichevole collaborazione”.

Ad aprire uno spiraglio il capo negoziatore Ue per la Brexit Michel Barnier. La priorità per il governo di Boris Johnson, come pronunciato nel discorso della Regina, è assicurare che il Regno Unito esca dall’Unione Europea il 31 ottobre. La Regina ha stilato una serie di 24 proposte di legge che il governo dovrebbe attuare nei prossimi mesi. Prevista anche una nuova legge sull’immmigrazione, alla stregua del sistema a punti australiano, che consenta l’ingresso ai nuovi immigrati nel Regno sulla base della capacità.

La notizia di una partnership possibile con il Regno Unito ha fatto volare la sterlina, dopo una settimana chiusa come migliore valuta. Intanto oggi sono proseguiti i colloqui tra i negoziatori dell’UE ed i rappresentanti del Regno Unito.