Home Politica Brexit, l’UE afferma che un importante accordo sul bilancio esercita pressing sul...

Brexit, l’UE afferma che un importante accordo sul bilancio esercita pressing sul Regno Unito

CONDIVIDI

Brexit, dopo aver creato un fondo di sostegno da 5 miliardi di euro, l’UE 27 non si oppone.

brexit

Niente accordo sul post Brexit entro fine luglio, come il Governo di Boris Johnson auspicava, ma si confida ancora su una possibile intesa con l’UE “per settembre”.

È quanto riferito dal Capo negoziatore britannico, David Frost, in una nota diffusa a conclusione di una serie di colloqui a Londra.

Molto scettico Frost visto che un eventuale accordo sulle relazioni post Brexit fra Bruxelles e Londra resta al momento “poco probabile”.

Ad oggi permangono diverse difficoltà al “rifiuto attuale” d’impegnarsi per garantire l’allineamento normativo (o level playing field) che l’UE invoca nel timore di atti di concorrenza sleale.

L’UE rimane convinta che la sua posizione sia più forte che mai rispetto a quella della Gran Bretagna.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il capo negoziatore dell’UE, Michel Barnier, si sono incontrati venerdì per confrontarsi.

Michel e i 27 leader UE hanno focalizzato molta più attenzione nelle ultime settimane sulla negoziazione di un budget storico di 1,82 trilioni di euro e del pacchetto di recupero del coronavirus.

Una volta raggiunto un accordo sul bilancio, i leader dell’UE sono convinti che rafforzi anche la loro posizione.

Brexit: l’intervento e la posizione del Presidente del Consiglio UE

Il Presidente del Consiglio UE ha inviato un chiaro messaggio che l’Euroblocco è pronto per affrontare uno scenario senza accordi.

Michel, pubblicando su Twitter, ha notato che l’accordo sul budget raggiunto martedì ha anche creato un fondo fuori budget di 5 miliardi di euro, chiamato Brexit Adjustment Reserve, progettato per sostenere governi, aziende e industrie più colpiti se nessun accordo viene concluso con il Regno Unito da quando il periodo di transizione Brexit termina il 31 dicembre.

“Più di quattro anni dopo che il Regno Unito ha votato per andarsene, sono ancora in corso colloqui su una futura relazione”,

riporta il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Funzionari dell’UE riferiscono che il successo nel raggiungere un accordo di bilancio con le disposizioni in materia di emergenza pandemica e la reazione positiva nei mercati finanziari hanno già rafforzato le economie dell’UE a 27 e aumentato la fiducia tra i leader e il team negoziale.

In particolare, sono determinati a rispettare le richieste fondamentali dell’UE, in particolare per quanto riguarda la cosiddetta parità di condizioni e la pesca.

Brexit, nessuna manovra di flessibilità da parte della Gran Bretagna

Un alto funzionario dell’UE ha affermato che la controparte britannica non ha dimostrato alcuna manovra di flessibilità.

“Sono stati molto, molto lenti a reagire e non hanno mostrato molta volontà di andare avanti”,

ha riferito l’alto funzionario dell’UE.

“Irlanda, Belgio, Olanda saranno influenzati dalla Brexit. Una parte di questa riserva di adeguamento alla Brexit potrebbe benissimo essere utilizzata per compensare i nostri pescatori.

Quindi sapete che gli inglesi non se l’aspettavano, che avremmo escogitato questo e questo budget. Per noi è molto importante prepararci per ogni possibile risultato”.

Il funzionario senior ha aggiunto:

“Preferiremmo sicuramente un accordo e siamo pronti a concludere un accordo – è meglio per entrambi – ma ci stiamo preparando per ogni scenario. Non venderemo l’Europa così. I nostri valori rimarranno intatti”.

Un alto funzionario del governo britannico coinvolto nei colloqui è stato altrettanto irremovibile.

“Un accordo è improbabile se i fondamenti non cambiano. Devono adattare la loro posizione per rendersi conto che stanno negoziando con uno stato nazionale indipendente”, ha riferito il funzionario UE.

Alla domanda se i colloqui si siano svolti in modo discontinuo o decisivo, il funzionario ha dichiarato:

“Siamo potenzialmente ugualmente vicini ad entrambi, ad essere onesti. È difficile da quantificare.

Posso vedere come potremmo fare un progresso relativamente rapidamente se adeguassero la loro posizione in le aree più importanti e, in caso contrario, non lo faremo. È davvero nelle loro mani in larga misura.”.

Un secondo funzionario del Regno Unito riporta che è sensato che entrambe le parti si preparino a un accordo perché non esiste alcuna garanzia che un accordo verrà raggiunto.

“Vi è chiaramente un accordo sufficiente per mantenere utile il processo. Ma ovviamente dobbiamo affrontare la possibilità che un accordo non venga raggiunto e prepararci per tutti gli scenari”,

ha riferito il funzionario.