Home News Brexit, la Commissione europea conferma l’intenzione di avviare un’azione legale contro Londra

Brexit, la Commissione europea conferma l’intenzione di avviare un’azione legale contro Londra

CONDIVIDI

La Commissione UE avvia azione legale contro Regno Unito. Da Londra Boris Johnson sottolinea: “Risponderemo a tempo debito”.

brexit

Il governo britannico non intende accantonare l’Internal Market Bill che rimette in discussione parte degli accordi di divorzio sottoscritti con l’UE.

Se la questione non venisse chiarita entro un mese la Commissione europea confermerebbe l’intenzione di avviare un’azione legale contro Londra.

Brexit, UE: “Londra non rispetta gli accordi”

La Commissione UE ha avviato un’azione legale contro il Regno Unito dopo che Boris Johnson non ha risposto alla richiesta di Bruxelles di abbandonare la legislazione che sovrascriverebbe l’accordo di recesso e infrangerebbe il diritto internazionale.

Ursula von der Leyen, la Presidente della Commissione europea, ha annunciato che il Regno Unito è stato messo in stato di notifica formale sul disegno di legge sul mercato interno presentato dal primo ministro il mese scorso.

Bruxelles aveva concesso tempo fino al 30 settembre per eliminare le clausole controverse nel progetto di legge.

Modificando unilateralmente i termini dell’accordo firmato lo scorso anno con Bruxelles, il Regno Unito non era stato all’erta dei suoi obblighi di agire in “buona fede”, ha detto Von der Leyen.

L’ex ministro della difesa tedesco ha annunciato che il Regno Unito ha un mese per rispondere alla lettera di avviso della commissione, che segna l’inizio di una procedura formale di infrazione.

“Avevamo invitato i nostri amici britannici a rimuovere le parti problematiche del loro progetto di legge sul mercato interno entro la fine di settembre”,

ha detto.

“Questo progetto di legge è, per sua stessa natura, una violazione dell’obbligo di buona fede stabilito nell’accordo di recesso.

Inoltre, se adottata così come è, sarà in piena contraddizione con il protocollo sull’Irlanda e sull’Irlanda del Nord.”

Brexit, il governo britannico non intende accantonare l’Internal Market Bill

Il disegno di legge sul mercato interno darebbe ai ministri poteri giuridici per sostituire due elementi del protocollo dell’Irlanda del Nord, che Johnson ha accettato lo scorso ottobre per evitare il ritorno a una frontiera dura sull’Isola d’Irlanda.

I ministri decideranno se notificare alla commissione eventuali decisioni di sovvenzione governativa, che potrebbero influenzare il commercio di merci nell’Irlanda del Nord e se rinunciare alla necessità di dichiarazioni sommaria all’esportazione durante l’invio di merci dall’Irlanda del Nord al resto del Regno Unito.

Le due parti stanno esaminando tali questioni in una commissione congiunta, ma il governo britannico ha affermato di aver bisogno della legislazione come “rete di sicurezza” nel caso in cui l’UE agisca in modo irragionevole.