Home Cronaca Brescia, minorenne aggredita alla fermata della metropolitana

Brescia, minorenne aggredita alla fermata della metropolitana

CONDIVIDI

A Brescia una baby gang ha aggredito e rapinato una minorenne per poi postare il video dell’aggressione sui social.

Brescia
Nella baby gang ci sarebbero state anche delle ragazze.

Terribile quello che è accaduto ad una 14enne di Brescia la quale è stata aggredita e rapinata davanti la fermata della metro di Mompiano. I ragazzi, inoltre, avrebbero mostrato sui social, tramite un video, le immagini della ragazza picchiata e scaraventata a terra.

Gli eventi si sono svolti domenica 7 febbraio

Gli eventi risalgono al pomeriggio della scorsa domenica, 7 febbraio, quando la 14enne fu avvicinata da un gruppo di coetanei. Una violenza non solo fisica, come predetto, ma anche psicologica a causa del video postato online.

Il padre della ragazza ha denunciato tutto ai giornali locali

Fortunatamente i filmati sono entrati in possesso della Polizia di Stato e si riveleranno dei validi alleati per scoprire l’identità degli aggressori della ragazza. A fornire per primo i dettagli sulla vicenda è stata il Giornale di Brescia.

Il quotidiano, infatti, sarebbe stato contattato dal padre della ragazza per denunciare l’accaduto. Stando alla testimonianza dell’adolescente, inoltre, gli aggressori non sarebbero ragazzi che conosce.

Nel gruppo di Piazzale Vivanti, però, come raccontato dalla testimone, ci sarebbero anche delle ragazze. Fortunatamente un gruppo di residenti chiamò subito il 112 che si precipitò sul posto.

Quest’ultimi, vedendo un’enorme folla avevano denunciato una rissa senza sapere che in realtà stavano assistendo ad un vero atto di bullismo tutti contro uno. Alla ragazza, infine, nella colluttazione è stato portato via anche il cellulare.

Questa nuova forma di violenza che continua anche sotto forma virtuale, sembra prendere sempre di più piede nei giovani, i quali sempre più spesso si trovano a formare delle baby gang. La speranza è, quindi, che questi ragazzi vengano identificati e che gli venga fatto capire quanto male hanno fatto ad una ragazza loro coetanea.