Home News Brasile, un ragazzo apre un rifugio e salva 26 animali: la sua...

Brasile, un ragazzo apre un rifugio e salva 26 animali: la sua storia commuove tutti

CONDIVIDI

Un ragazzo brasiliano di soli 17 anni, ha aperto un bellissimo rifugio per salvare gli animali domestici. Sono stati accolti sino ad oggi 22 cani e ben 4 gatti.

ragazzo rifugio

Eduardo Caioado è un ragazzo di 17 anni brasialiano che ha aperto un particolare rifugio. siamo ad Anápolis, in Brasile e Eduardo ha sempre sognato di poter salvare ed aiutare gli animali in difficoltà. Ha iniziato la sua opera alla tenera età di 9 anni, occupandosi dei cani e gatti randagi della sua città. Un mese fa ha deciso di lavorare più in grande, aiutato dalla famiglia è riuscito ad aprire un rifugio che accoglie gli animali domestici senza casa.

Il progetto del rifugio

L’ha chiamato EduPaçoca Institute e dalla sua apertura il ragazzo è già riuscito a salvare 22 cani e 4 gatti

“Cerco di rendere il mondo un posto migliore – ha detto il ragazzo – e quest’anno ho realizzato uno dei miei sogni.” Accogliendo i randagi “che d’inverno da queste parti muoiono spesso per il freddo e non ricevono aiuti pubblici. È per questi motivi è nato il mio progetto.”

ogni giorno percorre 30 km per raggiungere il rifugio, in autostop, in bici per accudire gli animali. Eduardo mira a far adottare i randagi, in modo che il loro soggiorno sia temporaneo.

“Una delle sfide più difficili è decidere chi portare al rifugio e chi lasciare per strada – continua – perché la casa purtroppo non è abbastanza grande per accogliere tutti.”

Eduardo è riuscito a trovare dei finanziatori, in modo da poter ampliare il suo rifugio, per poter dare riparo dal freddo a sempre più animali anziani e randagi. Ha avviato anche una raccolta fondi per sostenere la sua struttura, raccogliendo 14.390 real pari a circa 2.300 euro. questi soldi verranno impiegati per pagare l’affitto, le spese veterinarie e nutrile gli animali.

Eduardo però non è alla sua prima opera di bene. A soli 15 anni è stato nominato come una delle 50 persone più giovani di ispirazione per l’Onu. Aveva ideato un modo per riutilizzare l’acqua piovana in un progetto di un ecovillaggio. Non si è fermato li, ha anche trovato casa ai gatti randagi della sua città. Infine ha portato regali lo scorso Natale a 52 anziani che vivono in alcune case di riposo. Potete seguirlo sul suo profilo Instagram dove ha il nickname Megaedu1, dove condivide il suo pensiero sull’ambiente, diritti umani e animali.