Home News Brasile, riparte il traffico aereo per i turisti: 90 mila i morti...

Brasile, riparte il traffico aereo per i turisti: 90 mila i morti di Covid-19

CONDIVIDI

In Brasile riparte ufficialmente il traffico aereo per accogliere i turisti nel paese, nonostante ci siano più di 90 mila morti di Coronavirus.

riaperto traffico aereo brasile
aereo in volo

Riparte in Brasile il traffico aereo mentre i casi di morti da Covid-19 sono sempre di più, ormai alla soglia del 100 mila.

Il Brasile ha oramai superato la soglia dei 90 mila morti per Coronavirus proprio in questi giorni, infatti sono nelle ultime 24 ore ci sono stati 1.595 morti.

Questo dato è allarmante soprattutto perché indica un peggioramento dal 16 marzo.

I contagi sono arrivati a 1 milione e mezzo e il governo sembra più spaventato per il settore turistico che per la salute del paese.

Il presidente Bolsonaro, reduce dal covid-19, ha stabilito l’ufficiale riapertura del traffico aereo riaprendo le porte del paese ai turisti.

Bolsonaro dichiara in merito al provvedimento preso per risollevare il turismo in Brasile:

l’arrivo per via aerea non sarà più proibito

 

Il settore turistico sta soffrendo la pandemia come anche molti altri settori, ora che è stato riaperto il traffico aereo in Brasile i contagi aumenteranno?

1 milione e mezzo di contagi e il paese apre le porte ai turisti

Nelle ultime 24h sono stati registrati 1.595 decessi per Covid-19 e il totale è arrivato a 90.134.

Il numero dei positivi non è assolutamente rincuorante: 69.074 nuovi casi di coronavirus segnallati solo nella giornata di ieri.

Da aprile l’indice di trasmissione del virus RT è costantemente sopra la soglia di sicurezza cioè maggiore di 1.

A Giugno l’Universidade Federal de Pelotas nello stato del Rio Grande do Sul ha condotto un indagine sul numero di contagiati nel paese che ha mostrato dei risultati allarmanti.

Il numero reale degli infettati probabilmente non è quello che leggiamo sui bollettini.

Ci sono tanti, troppi, casi di cui non sappiamo nulla a causa della povertà estrema di molte zone del paese in cui molte persone non sono nemmeno registrate all’anagrafe.

Si sospetta che il numero degli infetti potrebbe essere 8 o 10 volte superiore a quello riportato dalle autorità.

Proprio in fede di questo studio statistico ci si sta chiedendo come mail presidente Bolsonaro abbia deciso di riaprire il traffico aereo turistico.

Non è indubbio che il paese e i suoi settori commerciali stiano soffrendo la situazione coronavirus.

Il settore turistico in Brasile come in molti altri paesi è fra i più colpito: ha perso più di 26 miliardi a causa della pandemia.

È questo il motivo per cui Bolsonaro ha deciso di permettere ai turisti di varcare i confini solo per via aerea.

Non si potrà arrivare in Brasile via mare o via terra, solo passando per i cieli.

I turisti che dovranno rimanere in Brasile per meno di 90 giorni dovranno poter dimostrare di detenere un’assicurazione medica valida in caso di necessità.

Il presidente sta facendo del tutto per risollevare il paese e occuparsi della salute dei cittadini:

‘Abbiamo concluso un accordo con l’Università di Oxford e AstraZeneca per ricevere 100 milioni di dosi del vaccino in 3 lotti, il primo dei quali dovrebbe arrivare nei primi quindici di dicembre’.

L’ha annunciato il segretario del Ministero della Salute, Arnaldo Correia de Medeiros.