Home Politica Il punto di vista sulla crisi di Boris Johnson: errore dopo errore

Il punto di vista sulla crisi di Boris Johnson: errore dopo errore

CONDIVIDI

Boris Johnson ha sbagliato durante la pandemia? Ecco il punto di vista di The Guardian

Secondo il popolare quotidiano The Guardian la diversa risposta e modalità di gestione della pandemia Covid-19 da parte del Premier britannico Johnson rappresenta una delle occasioni mancate e dei miseri giudizi errati.

Secondo The Guardian Johnson avrebbe commesso un errore dopo l’altro: la Gran Bretagna avrebbe così pagato un prezzo molto alto rispetto agli altri paesi del Vecchio Continente.

Il Regno Unito ha registrato il più elevato picco globale di morti rispetto alla media annuale bilancio delle vittime e il paese subirà la depressione più profonda di qualsiasi altra economia sviluppata.

Il Regno Unito ha iniziato il lockdown troppo tardi, una decisione che Neil Ferguson, l’epidemiologo dell’Imperial College di Londra, ritiene abbia cagionato decine di migliaia di vite umane.

La Gran Bretagna ha interrotto troppo presto il suo regime di test, con la conseguente incapacità di tracciare la velocità e la diffusione del virus.

Durante i mesi di febbraio e marzo, sono state perse le opportunità di sopprimere la diffusione dell’infezione introducendo restrizioni di viaggio e requisiti di quarantena, consentendo il continuo proliferare del contagio.

Boris Johnson continua a sbagliare

Ciò di cui la Gran Bretagna ha a che fare è un governo che ha sbagliato e continua a sbagliare. Quale ministro del gabinetto è responsabile dell’orientamento ufficiale che ha incaricato gli ospedali di dimettere gli anziani per la cura delle case quando i test e le attrezzature di protezione individuale erano inesistenti?

Chi ha sottoscritto la polizza per consegnare contratti a società private senza gare d’appalto o anche un controllo superficiale se sono all’altezza del lavoro?

Quale ministro ha deciso che le autorità locali che gestiscono regolarmente focolai di meningite e malattie a trasmissione sessuale non erano necessarie per il ritardato sistema di test and trace?

Questi rappresentano le decisioni dei politici conservatori che vedono i sindacati, i leader del governo locale e gli organismi professionali come potenti gruppi di interesse e influenti lobby da contrastare.