Home News Bonus figli fino a 18 anni: che cos’è, requisiti, come funziona e...

Bonus figli fino a 18 anni: che cos’è, requisiti, come funziona e ISEE

CONDIVIDI

Bonus figli fino a 18 anni in arrivo dal 2021: che cos’è?

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al Family Act, disegno di legge della ministra della Famiglie, Elena Bonetti.

Si tratta di 8 articoli che prevedono l’introduzione di un Bonus figli fino a 18 anni, ovvero un assegno universale mensile per tutti i figli fino alla maggiore età, inclusi sconti per asili e detrazioni delle spese sostenute per attività connesse alla formazione dei figli.

Il Bonus figli fino a 18 anni è un contributo per tutte le famiglie con figli a carico, che potrebbe essere

“attivo da gennaio 2021 ed entrerà tutti i mesi nelle tasche dei genitori italiani”.

Ad annunciarlo è la stessa Ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, ospite di 24 Mattino su Radio24.

La stessa Bonetti sottolinea che dopo l’emergenza Covid-19 il Governo Conte ha varato la prima riforma integrata per le politiche familiari con una progettualità ampia all’interno della quale l’assegno universale è uno dei pilastri fondamentali.

Tuttavia, non sarà l’unica azione concreta che sarà portata avanti dall’Esecutivo: al centro dell’attenzione c’è anche l’occupazione femminile e il tema del congedo parentale.

Per quanto riguarda il Bonus figli fino ai 18 anni la stessa Ministra Bonetti sottolinea che

“vista la situazione di emergenza, abbiamo deciso di accelerare.

Già da ieri inserendoci nel percorso parlamentare avviato nel ddl a prima firma Delrio, abbiamo iniziato a dare i pareri in commissione per arrivare a dare parere favorevole”.

Dal 2021 questo Bonus potrebbe essere attivato.

Bonus figli fino a 18 anni: importo e ISEE

Come anticipato dal Ministro per le Pari opportunità e la Famiglia il Bonus figli fino a 18 anni verrà corrisposto mensilmente a partire dal settimo mese di gravidanza fino al raggiungimento della maggiore età. Per i figli disabili il limite dei 18 anni d’età decade.

Il Bonus figli fino a 18 anni non è altro che una somma in denaro o di un credito d’imposta da utilizzare in compensazione per i nuclei familiari con figli.

Per i figli successivi al secondo l’importo verrà maggiorato del 20%, così come verrà maggiorato del 20% per i figli disabili.

Ad oggi l’importo del Bonus figli fino a 18 anni non è ancora stato stabilito: secondo la proposta originaria del ministro Bonetti, si prevedono 160 euro per ciascun figlio per i nuclei familiari con ISEE fino a 7.000 euro; 120 euro per ciascun figlio per famiglie con ISEE tra i 7.000 e i 40.000 euro; 80 euro per ciascun figlio per famiglie con ISEE che ecceda i 40.000 euro.

In ogni caso l’importo dell’assegno sarà proporzionato all’ISEE e al reddito delle famiglie.

L’assegno universale, inoltre, non concorrerà alla formazione del reddito familiare.

Family Act, Bonetti: non solo Bonus figli fino a 18 anni

Tra le altre misure previste nel Family Act il Governo prevede di introdurre nuove agevolazioni.

Il ddl stanzia un Bonus destinato al pagamento delle rette degli asili nido, dei micronidi, delle sezioni primavera e delle scuole dell’infanzia.

Stabilito un periodo minimo non inferiore ai due mesi di congedo parentale non cedibile all’altro genitore per ciascun figlio.

Inoltre, è previsto un periodo di congedo obbligatorio non inferiore a 10 giorni lavorativi per il padre lavoratore nei primi mesi di nascita del figlio.

Sarà possibile detrarre o dedurre una percentuale delle spese sostenute per colf, babysitter o addetti all’assistenza di familiari con deficit di autonomia.

Saranno previste anche detrazioni fiscali delle spese relative all’acquisto di libri o al contratto di affitto di abitazioni per i figli maggiorenni iscritti a un corso universitario.

Sul fronte del sostegno al lavoro delle donne è prevista

“un’indennità integrativa della retribuzione per le madri lavoratrici erogata dall’INPS, per il periodo in cui rientrano al lavoro dopo il congedo obbligatorio”.

L’obiettivo è quello di garantire una contribuzione “aggiuntiva” che sostenga le donne a non dover scegliere tra lavoro e famiglia.