Home News Bonus bicicletta, aumento dei fondi: no al click day

Bonus bicicletta, aumento dei fondi: no al click day

CONDIVIDI

Per accedere al bonus bicicletta non verrà distribuito grazie ad un click day. Per venire in contro alle esigenze dei richiedenti, saranno stanziati altri fondi.

bonus bicicletta click day

Il bonus bicicletta non sarà distribuito attraverso un click day, ma per soddisfare più richieste, saranno stanziati 70 milioni di euro che si vanno ad aggiungere ai già previsti 120 milioni, fino a raggiungere i 200 milioni totali. A dare questo annuncio alla trasmissione “L’aria che Tira – Estate” in onda su La7 è stato lo stesso Ministro Costa.

L’imminente attivazione del portale bonus

Pare imminente l’attivazione del portale del Ministero dell’ambiente, che permette di ottenere il bonus fino a 500€, per acquistare la bici entro la fine dell’anno. Possiamo già acquistare la nostra bici, per avere il bonus dobbiamo solo attivare il portale.

Oggi ho rilasciato una bella e lunga intervista su La7 nella trasmissione l'Aria che tira su come smaltire mascherine (preferiamo sempre le riutilizzabili) e come con il bonus mobilità stiamo lavorando a cambiare le nostre città e il nostro modo di spostarci.Per chi se la fosse persa la ripropongo qui.Buona visione!

Pubblicato da Sergio Costa su Lunedì 29 giugno 2020

L’acquisto della bicicletta soggetto al bonus sono quelle fatte dal 4 maggio 2020 al 31 dicembre 2020 e copre la spesa pari a 60% del totale. Per gli acquisti già fatti, alla richiesta si dovrà allegare la fattura. Per quelli da fare la procedura richiede il pagamento del 40%, ottenendo lo sconto direttamente dal rivenditore. Il bonus riguarda bici ma anche monopattini e segway.

È sempre più difficile recuperare le biciclette. Secondo Piero Nigrelli, direttore settore ciclo di Confindustria Ancma a spingerci verso la bici non è solo il bonus. Nei giorni prima del 4 maggio, si aveva avuto un forte incremento sulle richieste di riparazione delle biciclette, per affrontare in sicurezza nella fase 2. Ovviamente chi non l’aveva, ne ha acquistata una anche senza attendere incentivi. Difficilmente si potrà star dietro alle richieste:

 “È probabile che, fra qualche settimana, potrebbe mancare il prodotto. Non averci permesso di produrre per due mesi avrà delle conseguenze. Dalle prime indicazioni che riceviamo dalla rete dei rivenditori sembrerebbe che l’incentivo medio erogato, che non può superare il 60% del prezzo della bicicletta, sia pari a 300 euro. Sulla base di questo e considerata la dote del provvedimento, al momento pari a 120milioni di euro, la misura potrebbe generare vendite per 400mila pezzi, tra biciclette elettriche e muscolari.”

Un altro timore è che il bonus non sia sufficiente e venga esaurito in breve tempo, per coprire i veicoli già acquistati. Per questo si ritiene che ora sia il momento migliore per l’acquisto, richiedendo immediatamente il rimborso, non appena viene attivato il bonus. Sarà più probabile riceverlo, rispetto ad un acquisto successivo.