Home News BonBon, il cane che ha aspettato i suoi padroni per quattro anni:...

BonBon, il cane che ha aspettato i suoi padroni per quattro anni: la storia che ha commosso il mondo

CONDIVIDI

La bellissima storia di BonBon, il cane randagio che per quattro anni è rimasto in attesa all’incrocio di una strada

bonbon cane

La particolare storia del cane BonBon, che per quattro lunghi anni ha aspettato i suoi padroni, impedendo a chiunque altro di adottarlo.

L’incredibile storia

BonBon è un cane che negli ultimi quattro anni ha vissuto sul bordo di una strada, in un particolare incrocio in realtà, nella città di Khon Kaen, in Thailandia.

Il cane non si allontanava mai da quell’incrocio e nessuno degli abitanti della zona ne conosceva il motivo. Tutti credevano fosse un cane randagio o abbandonato e i passanti convivevano con lui tranquillamente.

Vari anche i tentativi di adozione. Come ha raccontato un ragazzo della zona, il cane era stato adottato da una donna del posto, che voleva toglierlo dalla strada per dargli finalmente una casa. Ma evidentemente non era quello che il cane voleva: BonBon, infatti, era prontamente scappato, tornando nuovamente al suo solito incrocio.

Il comportamento del cane è talmente tanto inusuale, che il ragazzo decide così di postare alcune sue foto sui social. Il materiale diventa virale e arriva anche ai proprietari originari di BonBon.

Il ritrovamento dei padroni

Il cane, infatti,  apparteneva a una coppia della provincia di Roi Et, che lo aveva perso durante un viaggio a Khon Kaen nel febbraio del 2015: durante una sosta per fare benzina, BonBon è saltato giù dall’auto e si è allontanato, attratto da qualcosa. La coppia lo ha cercato per settimane, ma senza successo. Alla fine si è arresa, temendo il peggio.

BonBon, invece, non solo era vivo, ma stava aspettando la sua famiglia vicino al luogo in cui era scappato.

Per quattro anni li ha aspettati e non si è mai allontanato attendendoli giorno dopo giorno, con la speranza nel cuore di rivederli tornare. Di sentire il suono delle loro voci. Di riconoscerne l’odore e il calore delle loro carezze.