Home News Bomba Day, Venezia si ferma il 25 ottobre: tutti i residenti andranno...

Bomba Day, Venezia si ferma il 25 ottobre: tutti i residenti andranno a Mestre

CONDIVIDI

Venezia si ferma il 25 ottobre per il bomba day che prevede una evacuazione di tutti i residenti a Mestre.

Bomba Day, Venezia si ferma il 25 ottobre: tutti i residenti andranno a Mestre

Bomba day previsto per il 25 ottobre a Venezia. La città si fermerà completamente per un giorno intero e i residenti sono attesi a Mestre.

Disinnesco bomba il 25 ottobre

Il 25 ottobre sarà una giornata impegnativa per Venezia con lo stop totale di tutto il trasporto ferroviario e l’evacuzione dei residenti a Mestre con zona rossa isolata. Tutto questo per permettere il disinnesco di una bomba inesplosa durante la Seconda Guerra Mondiale.

Un ordigno che è stato scoperto per puro caso durante dei lavori che sono stati fatti a Mestre a pochissima distanza dalla gronda lagunare. Il piano che è stato predisposto è molto ben organizzato e saranno le forze armate a definire tutto quanto in quella giornata del 25 ottobre.

Che cosa succede il 25 ottobre?

Al fine di provvedere al disinnesco di questo vecchio ordigno, sul posto ci saranno gli artificieri dell’Ottavo Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti Folgore di Legnago. Il gruppo si occuperà della prima parte del disinnesco passando il testimone subito dopo al Gruppo Operativo Subacquei Nucleo Sdai Ancona della Marina Militare.

Il disinnesco verrà svolto in fasi differenti, nella prima i Guastatori provvedderanno a despolettare la bomba per poi trasportarla via terra al Terminal Rinfuse a Venezia. Lì verrà imbarcata sul natante predisposto per l’operazione e portata al porto di Malamocco. L’ultima fase consiste nel farla brillare al largo della laguna.

Tutti i residenti della zona che comprende 468 metri di raggio dovranno essere evacuati dalle ore 6 del 25 ottobre. Sono state predisposte delle aree di accoglienza. Poi anche tutto il traffico automobilistico e ferroviario verrà fermato.

Si potrà tornare alla propria vita e alle proprie abitazioni non appena le forze armate non avranno dato la conferma che la bomba non rappresenta più un pericolo.