Home News Hawaii, la storia dell’elegante bolla di lava nata dal vulcano Kilauea

Hawaii, la storia dell’elegante bolla di lava nata dal vulcano Kilauea

CONDIVIDI

Un fenomeno raro, accattivante che ci mostra tutta la potenza del vulcano Kilauea delle Hawaii, uno dei più attivi del mondo

Hawaii
Hawaii

Il vulcano Kilauea si trova alle Hawaii ed è tra i più attivi al mondo. Recentemente è stata distribuita una foto scattata l’11 ottobre 1969 dal fotografo J.B. Judd, che riuscì ad immortalare un fenomeno molto raro.

Si tratta di una bolla, creata da una fontana di lava a cupola. Questo scatto è stato recentemente condiviso via Twitter dall’agenzia scientifica United States Geological Survey (USGS), corredata dall’hashtag #TBT che significa Throwback Thursday, utilizzato per fare una sorta si raccolta di foto vintage.

La bolla di lava del vulcano Kilauea

Questo fenomeno è molto raro e solitamente caotico. Al contrario quello fotografato è perfettamente simmetrico. Il tutto è nato da una fontana di lava, un getto di materiale incandescente che viene espulso da bolle di gas che si formano i maniera molto rapida ed espandono la roccia fusa. Questa cupola non è esplosa come solitamente capita, grazie alla viscosità della lava, peculiarità del vulcano Kilauea. In altre parole, la lava era troppo densa per poter esplodere come solitamente succede.

Nella foto vediamo la cupola che si erge su quello che a prima vista sembra un braccio di mare. In realtà la cupola nasce da una distesa di lava già raffreddata e solidificata del cono Mauna Ulu, che si trova nella parte orientale del vulcano Kilauea.

Questo cono ha offerto una delle più spettacolari e longeve eruzioni documentate. Durò oltre cinque anni, per un totale di 1.774 giorni, iniziando il 24 maggio 1969 fino al luglio del 1974. La cupola che è stata immortalata da Judd ha continuato ad espellere lava dal 10 al 13 ottobre 1969, raggiungendo 75 metri d’altezza.

Chi la vide, lo fece in sicurezza su una piattaforma in una posizione privilegiata. Furono espulsi in totale ben 350 milioni di metri cubi di lava, quantità che permetterebbe di riempire 140.000 piscine olimpioniche.