Home Casi Bimbo investito, “Come ha fatto a non accorgersene?”: l’ira della madre contro...

Bimbo investito, “Come ha fatto a non accorgersene?”: l’ira della madre contro la ragazza di 22 anni

CONDIVIDI

La mamma del bimbo investito l’ha visto volare via dopo che una piccola auto lo ha preso in pieno e travolto. Ora racconta il suo dramma e la sua ira contro la vicenda

Bimbo investito
Bimbo investito

La mamma del bimbo investito a Brescia è sotto shock per l’accaduto e si chiede come sia possibile che quella ragazza non si sia accorta di nulla, scappando

Il mancato convalidamento dell’arresto

La ragazza di 22 anni ha travolto un bambino dentro il suo passeggino, poi ha continuato la sua corsa pensando di aver preso un paletto – come da sue parole riportate anche dal Corriere.

Si è recata a lavoro e una volta tornata a casa a trovato ad attenderla Carabinieri e Poliziotti pronti per portarla in Questura. Si è risaliti all’identificazione di questa persona non solo grazie alle testimonianze ma anche ai filmati delle telecamere di sorveglianza, che hanno portato gli inquirenti ad identificare il “pirata della strada”.

La ragazza ha aggiunto

“sono entrata nel panico ricordando quando tre mesi fa sono stata coinvolta in un incidente per uno che non ha rispettato la precedenza. ho pensato all’auto distrutta e a quanto si sarebbero arrabbiati i miei genitori”

Ma questa volta non era un incidente o un paletto, come pensava, bensì un bambino che attraversava con la madre sulle strisce pedonali. Distratta anche dalla brina sul vetro e dal riverbero del sole, per la ragazza non è stato – sino a questo momento – convalidato l’arresto dal Gip per mancanza di flagranza del reato con domiciliari revocati.

Ora la Procura ha emesso ricorso contro la decisione del Gip ed è stata ritirata la patente alla giovane.

Il racconto della madre del bambino investito

In tutto questo c’è un bambino in ospedale e una madre disperata, che ha lasciato alcune parole sempre al Corriere tra rabbia e dolore:

“gli incidenti possono succedere ma non doveva scappare”

Evidenziando che si sarebbe aspettata aiuto da questa persona:

“io sono rimasta lì da sola e disperata, non parlo italiano e non sapevo cosa fare”

Aveva paura di non riuscire a spiegare quanto accaduto al suo bambino e che nessuno l’avrebbe capita. Poi l’ira

“non so come si faccia a non capire di aver investito un passeggino con un bambino dentro”