Home Cronaca Bologna, bimba di 11 anni positiva al Covid, intubata nel reparto di...

Bologna, bimba di 11 anni positiva al Covid, intubata nel reparto di rianimazione: non ha patologie

CONDIVIDI

La piccola è ricoverata presso l’ospedale Sant’Orsola nel capoluogo emiliano. La bambina è peggiorata nel giro di pochi giorni.

bambina 11 anni intubata

La Regione Emilia Romagna ha annunciato che, nelle ultime due settimane, c’è stato un aumento del 23% dei contagi tra i ragazzi in età scolare.

Bambina di 11 anni ricoverata nel reparto di rianimazione

Una bambina di appena 11 anni positiva al coronavirus versa ora in gravi condizioni all’ospedale Sant’Orsola di Bologna.

La piccola – come riferisce anche Fanpage – non aveva altre patologie pregresse.

Dopo essere risultata positiva al coronavirus, nel giro di pochi giorni le sue condizioni sono peggiorate, fino al ricovero in ospedale, dove la piccola è stata intubata nel reparto di rianimazione pediatrico.

“È stata rilevata la presenza di un batterio durante gli esami molto approfonditi cui la paziente è stata sottoposta, ma non si sa questa sia stata una concausa della grave infezione o invece una conseguenza”

fanno sapere dalla direzione dell’ospedale, dove la bambina è ricoverata.

Casi in aumento in Emilia-Romagna

Nelle ultime due settimane, in Emilia-Romagna si è registrato un aumento dei positivi, soprattutto tra bambini e adolescenti in età scolare.

L’aumento registrato, come rilevati dagli organismi regionali, sarebbe del 23%, soprattutto per via della circolazione delle varianti.

Dal prossimo 27 febbraio l’area metropolitana della città di Bologna diventerà zona arancione scuro. Questo passaggio implica quindi un inasprimento delle misure di contenimento del virus.

Nella provincia di Bologna in una settimana si è registrato quasi il 50% di casi in più, il che ha fatto salire l’indice Rt fino al 1.29.

La città è nel pieno della terza ondata.

Il provvedimento del passaggio al colore arancione scuro decorrerà da lunedì 1 marzo per le scuole e dal 27 febbraio per tutto il resto.