Home Casi Bimba uccisa dalla madre a Cisliano, l’autopsia conferma: la piccola Edith è...

Bimba uccisa dalla madre a Cisliano, l’autopsia conferma: la piccola Edith è stata soffocata

CONDIVIDI

La donna, Patrizia Coluzzi, è in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario.

autopsia Edith

Dopo il delitto, la 41enne si è procurata dei tagli ai polsi, ma le ferite era lievi e la madre della bimba è riuscita a sopravvivere.

L’omicidio della piccola Edith

Un sms poi il dramma: è così che Patrizia Coluzzi, 41 anni, ha annunciato al marito, da cui si stava separando, che la loro piccola Edith non c’era più.

L’uomo, messo in allarme da quello strano messaggio, ha allertato le forze dell’ordine.

Quando i carabinieri sono arrivati nell’appartamento di Cisliano, nella notte tra domenica e lunedì scorsi, hanno trovato la porta chiusa dall’interno. Così i militari hanno fatto irruzione da una finestra ed hanno fatto la terribile scoperta.

Sul letto c’era il corpo senza vita della piccola Edith, 2 anni. Accanto a lei, in stato di semi incoscienza, la madre: Patrizia Coluzzi, 41 anni.

La donna presentava dei tagli alle braccia. Immediatamente soccorsa, è riuscita a cavarsela.

Sullo specchio della camera, i carabinieri hanno rinvenuto ben 11 post-it, indirizzati agli altri due figli della donna – due gemellini di 8 anni – e alla piccola Edith.

In uno di quei bigliettini, Patrizia aveva scritto:

“SCUSA PICCOLA MA NON POTEVO PERMETTERE CHE RESTASSI NELLE SUE MANI DA SOLA”.

Un messaggio indirettamente rivolto a quello che stava per diventare il suo ex marito.

Da alcuni giorni era infatti in corso la separazione, voluta proprio dall’uomo.

Patrizia lo aveva più volte denunciato per maltrattamenti, ma lui l’aveva querelata per diffamazione.

L’autopsia sulla piccola Edith

Nel pomeriggio di martedì è stato eseguito l’esame autoptico sul corpo della piccola Edith.

L’autopsia ha confermato che la piccola è stata soffocata ed è morta per asfissia, come inizialmente ipotizzato dagli inquirenti.

Sulla bambina non erano infatti evidenti segni di violenza. La donna si trova ora nel carcere di San Vittore con l’accusa di omicidio volontario.