Home Cronaca “Papà sta picchiando la mamma”: bimba di 10 anni chiama i carabinieri...

“Papà sta picchiando la mamma”: bimba di 10 anni chiama i carabinieri e fa arrestare il padre

CONDIVIDI

La drammatica vicenda si è registrata a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena.

bambina fa arrestare padre violento

Le forze dell’ordine sono giunte in soccorso della donna e della sua bimba ed hanno arrestato l’aggressore.

La chiamata ai carabinieri

Si è nascosta nella sua camera ed ha chiamato i carabinieri, mentre suo padre minacciava la madre con un coltello.

È stato il coraggio di una bambina di appena 10 anni a salvare la vita a sua madre. La piccola ha assistito ad una lite tra i genitori.

Impaurita da quella violenza e dalle minacce del padre, ha preso il cellulare ed ha chiamato il 112.

L’ennesima vicenda di maltrattamenti in ambito domestico si è registrata a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena.

I carabinieri sono intervenuti immediatamente dopo la chiamata. Come riferisce anche Fanpage, quando sono giunti nell’abitazione, il litigio era ancora in corso.

I militari hanno fermato il papà della piccola e lo hanno arrestato. Si sono poi sincerati delle condizioni della bambina, visibilmente scossa, ma fortunatamente illesa.

La madre della piccola è stata soccorsa e trasferita in ospedale. La donna era stata colpita con un pugno in pieno volto. 

Il celere arrivo dei carabinieri si è rivelato salvifico per la donna e la sua bimba.

Il giudice ha deciso che l’uomo arrestato dovrà stare lontano dalla sua casa e dalla sua famiglia. Per il 38enne è stato inoltre convalidato l’arresto.

Bimbo di 10 anni salva la madre dalle violenze del padre

Una vicenda simile si è registrata i primi di febbraio a Zafferana Etnea, in provincia di Catania.

In quell’occasione un uomo di 39 anni aveva iniziato a picchiare la moglie sotto gli occhi del figlio di 10 anni.

Così il bambino, impaurito dall’ennesima aggressione, aveva allertato i carabinieri, che erano accorsi in aiuto di madre e figlio.

Per approfondire la vicenda di Zafferana Etnea, clicca qui.