Home Casi Bestie di Satana, uccise tre persone: il leader Andrea Volpe è libero...

Bestie di Satana, uccise tre persone: il leader Andrea Volpe è libero e cerca lavoro

CONDIVIDI

Si torna a parlare delle Bestie di Satana e del leader Andrea Volpe, ora libero dopo 16 anni di carcere.

Bestie di Satana, uccise tre persone: il leader Andrea Volpe è libero e cerca lavoro
Andrea Volpe

Andrea Volpe considerato il leader delle Bestie di Satana è ora libero dopo aver trascorso 16 anni in carcere.

Chi è Andrea Volpe

Andrea Volpe è uno dei membri delle Bestie di Satana, considerato il leader del gruppo satanista processato nell’anno 2005 con rito abbrevviato. L’uomo è stato condannato per i delitti di Fabio Tollis e Chiara Marino: le due vittime sono state seviziate e poi uccise violentemente nel gennaio del 1998 a Somma Lombardo.

Un terzo omicidio è quello di Mariangela Pezzotta uccisa a gennaio del 2004, sempre con il solito modus operandi. Si parla poi di una terza persona portata quasi al suicidio nel 1998.

Questi crimini sono stati commessi con Paolo Leoni, Marco Zampollo, Pietro Guerrieri, Nicola Sapone, Eros Monterosso, Massimino Magni e Mario Maccione. Il gruppo di satanisti sono stati accusati di omicidio e istigazione al suicidio: grazie alla testimonianza di Volpe tutti i membri della setta furono arrestati.

Il leader è stato accusato a 20 anni di reclusione passati a 16 per aver collaborato con gli inquirenti e per aver reso noti tutti i dettagli.

Libero dopo 16 anni di carcere

Andrea Volpe è rimasto in carcere per 16 anni ed è tornato libero a 44 anni. Durante il suo periodo di reclusione si è avvicinato alla Chiesa Evangelica.

Uscito dal carcere nel mesi di marzo, ora Volpe si trova a casa come da misure di contenimento previste per legge. Il suo obiettivo è quello di cercare un lavoro e ricostruirsi una nuova vita.

La notizia sulla liberazione di Volpe non è stata accolta bene dal padre di Mariangela Pezzotta – uccisa nel 2004:

“Volpe spero di non vederlo mai davanti a noi. mi dite che sono una persona buona, ma oggi non mi sento così”