Home News Beirut, parla il militare Roberto Caldarulo: “Siamo stati fortunati”

Beirut, parla il militare Roberto Caldarulo: “Siamo stati fortunati”

CONDIVIDI

Il Caporal maggiore capo Caldarulo racconta della terribile esplosione al porto di Beirut che ha causato più di 100 vittime.

Caldarulo BeirutContinua a salire ora dopo ora il numero dei morti e dei feriti causati dalla doppia esplosione avvenuta al porto di Beirut. A raccontare questa terribile esperienza ci ha pensato il Caporal maggiore capo, Roberto Caldarulo, il quale è rimasto ferito lievemente.

“Ricordo un boato fortissimo, indescrivibile, gli avvenimenti succedevano molto velocemente. Subito dopo l’esplosione c’è stato qualche momento di smarrimento, era del tutto imprevisto, però stiamo tutti bene, io onestamente mi sono accorto dopo del sangue alla mano, ma niente di grave”.

Per fortuna, come detto, le condizione del militare sono buone, come confermato anche da Marco Mele, tenente colonnello dell’esercito, nonché portavoce del contingente italiano in Libano.

La preoccupazione del militare è andata soprattutto ai civili

Anche in questo momento di difficoltà, Caldarulo, non si è fatto condizionare dichiarando che per loro era una semplice giornata di lavoro, la vera preoccupazione va verso i cittadini di Beirut.

I soccorsi, come raccontato dal militare italiano, sono stati tempestivi, nonostante le strade della capitale fossero intasate ed impraticabili per tutta la situazione creatasi.

Il Caporal Caldarulo opera all’estero dal 2013

Come detto Roberto Caldarulo è un militare italiano di 40 anni, in servizio dal 2013. L’uomo fu assegnato ai servizi logistici di trasporto per le missioni all’estero per il “Battaglione Gestione Transito”. Diverse le missioni in giro per il mondo affrontate dal soldato, come ad esempio in Kosovo.

Prima di essere un militare, l’uomo è anche un padre di famiglia e preoccupato proprio per quest’ultima, il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, città di origine dell’uomo, ha voluto tranquillizzare tutti così:

“Ho avuto rassicurazioni che il nostro concittadino stesse bene, ha sentito la sua famiglia”

ha detto il primo cittadino.